Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 663
MODICA - 24/03/2013
Attualità - Settanta imprese attendono di insediarsi nella zona artigianale

Protesta Cna per ritardi nella concessione aree a Michelica

La Cna è soprattutto preoccupata per il clima preelettorale che potrebbe bloccare l’attività amministrativa e quindi le misure a favore delle imprese artigianali

Ci sono settanta imprese che attendono di insediarsi nella zona artigianale di Michelica ma del bando per l’assegnazione delle aree e della variante al Piano Regolatore non ci sono notizie. Il Consiglio comunale continua a tergiversare e l’amministrazione non è riuscita ad imprimere la spinta necessaria nonostante gli impegni assunti davanti con le organizzazioni di categoria ed al tavolo convocato alla presenza del Prefetto. Ci sono dunque motivi fondati perché la Cna torni a dirsi preoccupata e soprattutto delusa dall’atteggiamento degli amministratori.

Dice il presidente Cna, Piero Bonomo: «Finora abbiamo preso atto solo della modifica al regolamento della zona artigianale da parte del Consiglio comunale dopo decine di richieste e proteste da parte della nostra associazione. Non risulta, infatti, ancora pubblicato il bando per l’assegnazione dei lotti liberi all’interno della esistente zona artigianale nè risultano atti per la variante al Piano regolatore. Non ci risulta alcuna discussione in Consiglio comunale sulla proposta di scioglimento della società consortile Art.Gest così come più volte chiesto dalle imprese insediate e dagli ex soci Art.Gest».

La Cna è soprattutto preoccupata per il clima preelettorale che potrebbe bloccare l’attività amministrativa e quindi le misure a favore delle imprese artigianali che devono, tra l’altro, ancora ricevere i pagamenti dall’ente per lavori eseguiti né si ha notizia del protocollo d’intesa che prevedeva la compensazione dei debiti delle imprese per tributi e oneri locali con i crediti vantati.