Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 670
MODICA - 21/03/2013
Attualità - Lo rende noto il segretario generale aggiunto dell’Osapp Mimmo Nicotra

Ora Modica perde pure il carcere

Oltre al carcere di Modica, saranno chiusi pure quelli di Mistretta e Nicosia Foto Corrierediragusa.it

Modica ha perso pure il carcere (foto). Lo rende noto in una nota il segretario generale aggiunto dell’Osapp Mimmo Nicotra, citando il decreto dello scorso primo febbraio dell’attuale guardasigilli Severino che ha ridisegnato la distribuzione degli istituti penitenziari in Sicilia. Oltre al carcere di Piano del Gesù a Modica Alta, saranno chiusi pure quelli di Mistretta e Nicosia. Insomma, come già paventato da tempo, la città perde in un colpo solo l’istituto penitenziario e il tribunale. Il sindacalista giudica positiva la chiusura dei tre istituti di pena, in riferimento alle carenze d’organico del personale penitenziario e dei gravi rischi per la sicurezza che ne conseguono. In riferimento al caso di Modica, per Nicotra «E´ necessario chiudere il carcere allo scopo di trasferire il personale a Ragusa, che dista appena otto chilometri, e affrontare in tal modo le emergenze con più uomini a disposizione».

Secondo Nicotra, «35 agenti in più a Ragusa, ovvero quelli che sono in servizio a Modica, allevierebbe la critica situazione del personale in sottonumero. Tra l´altro – conclude il sindacalista – a Modica cesserà d’esistere da settembre pure il tribunale, soppresso dalla spending review». In definitiva, dunque, l’insufficienza di personale e la necessità di razionalizzare le poche risorse a disposizione inducono il sindacato a giudicare positivamente la chiusura dei tre penitenziari di Modica, Mistretta e Nicosia. E pensare che a Modica un nuovo carcere doveva essere realizzato in contrada Catanzarello. Ma quelli erano altri tempi.


Non perdita ma guadagno
21/03/2013 | 9.41.29
Carmelo

Credo che la notizia sia da considerare tra quelle belle, visto che un luogo di grande pregio architettonico e monumentale viene salvato da un utilizzo improprio e mortificante.