Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 792
MODICA - 18/03/2013
Attualità - Buone notizie per i dipendenti delle municipalizzate dopo il caso Gesip

Torchi: "Integrazione Spm, vai sindaco"!

L’ex sindaco esorta la giunta Buscema a non perdere tempo Foto Corrierediragusa.it

Con la decisione del Ministero del lavoro di ammettere alla cassa integrazione in deroga i lavoratori della cosiddette «municipalizzate», si registra in automatico una positiva svolta pure nella vertenza dei dipendenti della «Spm servizi per Modica». Lo evidenzia l´ex primo cittadino di Modica Piero Torchi (foto), secondo cui adesso "Sindaco, amministrazione e vertici della «Spm» devono adesso darsi da fare per consentire l’accesso agli ammortizzatori sociali anche ai lavoratori modicani. Il Ministero del lavoro - scrive Torchi in una nota - rispondendo difatti ad un analogo quesito posto dal comune di Palermo per i dipendenti della Gesip, ha espressamente dichiarato che «Non esistono motivi giuridicamente validi per escludere i lavoratori ex Gesip e delle aziende municipalizzate dalla cassa integrazione in deroga: si tratta ormai di un dato chiaro e certificato».

Una posizione netta e definitiva che sgombra il campo da ogni equivoco. Per Torchi quindi «L’amministrazione Buscema e la «Spm» non hanno più alibi e devono intraprendere ogni azione utile ed indispensabile per accedere alla cassa integrazione, con grande sollievo dei lavoratori interessati e delle centinaia di famiglie modicane che, tra diretto ed indotto, temono di perdere quella che, spesso, è l’unica occasione di sostentamento».