Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1082
MODICA - 07/03/2013
Attualità - E’ andata a vuoto anche la gara per l’individuazione del partner

Chocobarocco dal retrogusto amaro: nessuno lo gestisce!

Il bando prevede un vincolo preciso per i costi che sono tutti a carico del privato

Seconda chiamata ma nessuna risposta. E’ andata a vuoto anche la gara per l’individuazione del partner che dovrà gestire Cochobarocco 2013. Mentre la prima gara era saltata perché la data del 7-10 Marzo era stata annullata, la seconda non ha evidentemente riscontrato interesse per l’edizione che dovrà tenersi a fine autunno. Il bando prevede un vincolo preciso per i costi che sono tutti a carico del privato compreso una diffusa campagna di comunicazione sui media nazionali ed esteri.

E’ previsto inoltre un contributo di 5 mila euro a favore di palazzo S. Domenico per i costi organizzativi. Altro punto rilevante è l’impegno triennale che l’eventuale partner privato dovrà assumere. Il socio partner dell’ente inoltre non potrà essere l’ultimo arrivato perché negli ultimi tre anni dovrà avere avuto 200 mila euro di fatturato. Si tratta di condizioni molto stringenti che l’amministrazione insieme alla Camera di Commercio ed al Consorzio di Tutela del Cioccolato hanno concordato proprio per avere delle garanzie di professionalità ed i affidabilità ma che non sono approdate a nulla di importante visto il silenzio rispetto al bando di gara.

L’amministrazione dovrà ora correre ai ripari e pensare a modificare alcune parti del bando per far sì che qualcuno si faccia avanti magari in ambito locale. Chocobarocco con queste premesse rischia di subire un altro rinvio che sarebbe deleterio dopo la cancellazione dell’edizione annunciata per questo mese. I danni sul piano dell’immagine sono stati pesanti come hanno rivelato alcuni operatori turistici e titolari di strutture alberghiere che hanno dovuto dire di no a prenotazioni già effettuate. Da parte sua il sindaco Antonello Buscema è possibilista: «Il bando è stato modellato su altri modelli applicati in altri contesti nazionali. Cercheremo di migliorarlo e di favorire l’apertura verso imprese locali».