Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1245
MODICA - 01/03/2013
Attualità - L’etnoantropologa Grazia Dormiente ha trovato tracce dei due gusti nelle Carte della famiglia Grimaldi

Barretta al "muschio bianco", Viagra al gusto cioccolato

E’ il prodotto della secrezione delle ghiandole del cervo muschiato Foto Corrierediragusa.it

In origine fu la barretta alla vaniglia ed alla cannella. Erano le tavolette di cioccolato modicano che fino a qualche anno fa sono state la delizia dei consumatori. Poi gli artigiani del cioccolato hanno cominciato a sbizzarrirsi. E’ arrivata la barretta al peperoncino, la più richiesta sul mercato dopo i gusti tradizionali, e quindi agli agrumi ed al carrubo. Su banconi delle dolcerie i gusti sono almeno venti ma nessuno avrebbe potuto pensare ad un barretta al «vomito di balena» ed al «muschio bianco».

Sono gli ultimi due gusti, fortemente innovativi, che saranno proposti per la nuova stagione dopo un attento studio da parte dell’etno antropologa Grazia Dormiente che, per conto del Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica, è andata a scovare negli archivi de storici della famiglia Grimaldi i due nuovi gusti.

Negli ordini diramati dalla famiglia Grimaldi ai propri fornitori, infatti, vengono citati testualmente, questi due prodotti, che ora il Consorzio di Tutela vuole riproporre in versione aggiornata e moderna ma in linea con la tradizione. Il «vomito» di balena è una rarissima ambra grigia, molto utilizzata in profumeria, prodotta durante la digestione dai capodogli; quando galleggia in mare ha un odore nauseabondo ma quando si spiaggia diventa una roccia giallastra e il cattivo odore poi si stabilizza". Ha proprietà organolettiche di primissimo ordine e sarà certamente, secondo la valutazione del direttore del Consorzio del Cioccolato, Nino Scivoletto, la barretta più cara al mondo vista la rarità del prodotto.

La barretta al «muschio bianco» farà invece la fortuna degli amanti visto che la secrezione della ghiandola sessuale del cervo muschiato, ha specifiche proprietà afrodisiache che danno vigore e potenza a chi l’assume. Un Viagra al gusto di cioccolato che non ha bisogno di prescrizione alcuna.