Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 778
MODICA - 14/02/2013
Attualità - Lo storico Liceo Classico cessa d’esistere: sarà accorpato allo Scientifico

A Modica il "Campailla" va col "Galilei"

Classico ed Artistico "Campailla" perdono l’autonomia e confluiranno nello Scientifico. Da segnalare pure l’accorpamento del Plesso di Santa Teresa a Modica Alta della scuola «De Amicis» con la «Carlo Amore» di Frigintini
Foto CorrierediRagusa.it

Un altro colpo mortale inferto dalla Regione alla storia della città, nella fattispecie ad un pezzo dell’intera storia dell’istruzione di qualità in Sicilia. E´ dell’Assessorato Regionale alla Pubblica Istruzione la decisione di accorpare al Liceo Scientifico «Galilei» lo storico Liceo Classico «Campailla» (foto), senza tenere in alcun conto la storia centenaria ed il prestigio di quest’ultimo, ma basandosi solo su una logica di numeri e parametri. Un provvedimento che colpisce non solo tutto il sistema dell’istruzione della Sicilia orientale, ma anche la storia culturale di Modica.

Il Liceo classico viene quindi cancellato con un semplice colpo di spugna, da un governo distante e disattento, con la connivenza dei parlamentari regionali e con il silenzio imbarazzato ed imbarazzante di un’amministrazione comunale incapace di battere i pugni sul tavolo e rivendicare la propria storia ed autonomia.

Come se tutto ciò non bastasse, c´è da segnalare pure l’accorpamento del Plesso di Santa Teresa a Modica Alta della scuola «De Amicis» con la «Carlo Amore» di Frigintini: un altro provvedimento della Regione subito passivamente da questa amministrazione e privo di qualsiasi logica, ma giustificato con un parametro mai fissato legislativamente che vede in mille il numero minimo di alunni per ogni istituto comprensivo, a fronte di una normativa vigente che fissa in 600 il numero reale che costituisce il limite minimo di sopravvivenza. Un numero ampiamente raggiunto da Frigintini, che, con i suoi quasi 800 alunni, può e deve restare autonoma, senza subire la non trascurabile problematica di un plesso distante 11 chilometri dalla centrale e con problematiche completamente diverse, sia strutturali che di gestione.

Quindi una delle istituzioni scolastiche storiche di Modica Alta perde autonomia e significato, diventando succursale della scuola comprensiva di Frigintini, in una logica incredibile ed inopportuna, che, ad esempio, per i servizi centrali di segreteria, costringerà i genitori residenti a Modica Alta a recarsi a Frigintini anche per una semplice certificazione o un colloquio con il Dirigente. Insomma una scelta che punisce e mortifica, in un colpo solo, senza risolvere nulla, sia Frigintini che Modica Alta. Tratto dal blog pierotorchi.it