Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 956
MODICA - 05/02/2013
Attualità - In piazza S. Teresa a Modica Alta su un piedistallo in pietra pece ed acciaio corten

Centro Studi Contea dona statua Deianira alla città

E’ stata realizzata dallo scultore giapponese Koh-Emon Hattori in occasione del simposio di scultura nel luglio 2010 Foto Corrierediragusa.it

La scultura «L’attesa di Deianira» abbellisce piazza S. Teresa a Modica Alta. La statua, realizzata in pietra locale dallo scultore giapponese Koh-Emon Hattori, è stata infatti, «svelata» al pubblico nel corso di una cerimonia tenutasi alla presenza del sindaco Antonello Buscema e dell’assessore alla Cultura, Annamaria Sammito. Presenti i soci del Centro Studi sulla Contea di Modica con in testa il presidente Paolo Failla (nella foto con la vicepresidente Gina Ricca). Si deve infatti al Centro Studi a volere fortemente questa opera meritoria che abbellisce ed arricchisce la città intera. La scopertura della statua è stata salutata dalle musiche dell’Orchestra di Fiati «Città di Modica» diretta dal maestro Franco Di Pietro.

Il presidente del Centro Studi ha rimarcato l’impegno dei soci e degli sponsor per donare alla città un manufatto di pregevole valore che abbellisce una parte importante della città storica. Per valorizzare la scultura è stato realizzato un piedistallo - sedile disegnato dagli architetti Armando Laurella ed Eugenia Calvaruso, e dall’ing. Giorgio Linguanti, tutti soci del Centro Studi. Si tratta di un basamento a cerchio che fa da schermo alla statua; il materiale è in acciaio corten ed in pietra pece, un connubio di materiali che esalta la tradizione con l’introduzione di un materiale all’avanguardia.

La posa è stata resa possibile grazie a tre aziende locali che hanno fornito materiali e mano d’opera. La ninfa Deianira, moglie di Ercole, è presentata dallo scultore giapponese nel momento in cui emerge dal blocco di pietra alla fine dell’attesa del suo eroe, lo ha finalmente ritrovato e si slancia verso il suo amato. E’ la metafora di Modica Alta che ha ritrovato nel segno del Centro Studi una forza vitale che vivificherà tutta questa parte della città. Questo il senso della scelta di collocare la scultura del giapponese Hattori in piazza S. Teresa, luogo simbolo della comunità di Modica Alta.

La scultura è il frutto del lavoro del simposio tenutosi nel luglio del 2010 a Modica che ha visto la partecipazione di quattro scultori di fama internazionale. Una prima scultura delle quattro realizzate è stata già donata alla Provincia di Ragusa e si trova all’ingresso del palazzo della Provincia in viale del Fante.


Statua
06/02/2013 | 11.53.29
Giusi

Come al solito non pubblicherete il commento, ma volevo farvi notare che la cerimonia di questa bellissima statua fortemente voluta e desiderata e bla bla bla, si é svolta domenica 3 gennaio 2013 e voi ne avete dato notizia praticamente ieri. Per essere un quotidiano online le notizie non viaggiono per niente veloci.
Che poi la statua niente ha a che vedere con il contesto della piazza (se la pietra locale é una giustificante allora l´arte é morta)cade agli occhi di chiunque possegga un briciolo di senso artistico. Ma tanto che ne parliamo a fare ...