Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1500
MODICA - 04/02/2013
Attualità - Conclusa la tre giorni promossa da CasaBelvedere tra visite culturali e degustazioni

A "Dolce Millennio" la sfida pasticciera di Modica Alta

La "Dolce Sfida" ha visto in gara sei pasticcieri che hanno presentato dolci originali e creativi Foto Corrierediragusa.it

La degustazione e la premiazione dei partecipanti hanno concluso «La Dolce Sfida». La gara ha visto la competizione tra sei pasticcieri di Modica Alta che hanno presentato un dolce originale e creato per l’occasione.

L’evento voluto dalla associazione «CasaBelvedere» ha concentrato l’attenzione sulla parte della città grazie ad una serie di iniziative come il tour dei monumenti più significativi di Modica Alta. Presso la sala del ristorante «Mille e una notte» si sono ritrovati i titolari di Pasticceria Pulino, Dolceria Dolce Idea, Gran Bar, Pasticceria Fede, Casalindolci e Dolce Millennio. Ognuno di loro si è sottoposto al giudizio della giuria popolare formata dai 250 votanti che ha premiato il dolce «La rosa dei venti» di Casalindolci. La giuria specializzata composta da chef, giornalisti ed operatori del settore enogastronomico ha decretato la vittoria della pasticceria Dolce Millennio con 206 punti raccolti nelle varie sezioni: gusto, presentazione, originalità ed Alta pasticceria.

Il «tiramisusu» al pistacchio ha avuto la meglio su Casalindolci, punti 194, e la Pasticceria Fede con 193 punti. Lo chef Carmelo Chiaramonte, a nome della giuria tecnica, ha sintetizzato così la finale della «Dolce sfida»: «I pasticcieri hanno confermato la bontà della tradizione modicana ed il sapiente utilizzo dei prodotti del territorio. Apprezzabile lo sforzo creativo di ognuno di loro. Complimenti a tutti ed arrivederci alla prossima edizione».

(nella foto: i dolci in gara)