Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 823
MODICA - 28/03/2008
Attualità - Modica - La banca tesoriera non avrebbe emesso i mandati

Niente soldi ai dipendenti perchè il direttore è in ferie?

Solo un "depistaggio": il dottor Basile ieri era in sede Foto Corrierediragusa.it

Adesso si inventano anche i direttori di banca in vacanza per giustificare i ritardi nei pagamenti ai dipendenti delle cooperative. La singolare voce, del tutto infondata, si era diffusa ieri mattina tra le decine di persone che lavorano nelle cooperative impegnate nell’assistenza domiciliare agli anziani e nel trasporto pubblico delle persone diversamente abili.

Il malcontento si era levato altro soprattutto perché, come dichiaratoci da uno dei dipendenti, la notizia della presunta responsabilità della banca tesoriera per la mancata emissione dei mandati di pagamento era trapelata da palazzo San Domenico. Qualcuno avrà capito male oppure si è trattato di un patetico tentativo di scaricabarile? Stando alla notizia che aveva mandato in bestia i dipendenti e che sarebbe stata diramata dal comune tramite il passaparola, il direttore della filiale di corso Umberto del Banco di Sicilia era irreperibile.

L’interessato, stando alle voci, era volato in vacanza in Australia senza aver delegato nessuno degli altri impiegati per procedere all’emissione dei mandati di pagamento, stante l’accreditamento di due milioni di euro dei trasferimenti regionali. Noi abbiamo telefonato ieri mattina in banca, facendoci passare il direttore Giorgio Basile. «Sono stupito di questa voce ma ? ha dichiarato ? come può constatare, sono regolarmente in ufficio e non a godermi il sole dell’Australia, anche se mi piacerebbe».

Basile non ha però confermato nulla sull’accreditamento effettivo delle somme, appellandosi alla legge sulla privacy. E intanto i dipendenti delle cooperative continuano ad aspettare gli stipendi da ben otto mesi.