Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1366
MODICA - 20/01/2013
Attualità - Lunedì incontro con il sindaco per discutere della questione

Personale protesta, non piace Piano riequilibrio

In particolare si tratta degli addetti ai Servizi Sociali e degli anziani Foto Corrierediragusa.it

Si sono dati appuntamento davanti a palazzo S. Domenico (nella foto). Pensionati, operatori dei Servizi sociali, sindacalisti; tutti uniti dalle preoccupazioni che saranno indotte dal Piano di riequilibrio finanziario. La Cgil è in prima linea per cambiare il Piano ed ha chiesto la convocazione di una seduta del consiglio comunale in sessione aperta. Insieme al sindacato anche i consiglieri D’Antona (Sel), Nigro (Territorio) e tutto il gruppo del Pd per discutere con l’amministrazione e tutto il consiglio eventuali interventi modificativi del piano alla luce di alcuni fattori di cui non è stato tenuto conto al momento della redazione.

Il sindacato in particolare fa riferimento all’incameramento totale dell’IMU a partire da quest’anno e dall’introduzione della Tares che porterà ulteriori risorse nelle casse comunali. Sono due elementi che non potevano essere previsti al momento dell’approvazione e che, grazie ai maggiori introiti, consentirebbero di alleviare i tagli nei confronti del personale. In particolare dei precari e degli addetti delle società partecipate. C’è anche la questione Servizi sociali ed a palazzo S. Domenico sono stati presenti numerosi pensionati che frequentano nelle varie zone della città i centri per gli anziani.

Il Piano prevede la chiusura di queste strutture ed i pensionati si sono rivolti ai sindacati ed ai consiglieri per un ripensamento. Il sindacato ha inoltre chiesto al sindaco di predisporre al più presto il bilancio 2013 per avere un quadro completo delle entrate e delle uscite dell’ente. Il Piano di riequilibrio finanziario, così come è stato presentato, dovrà essere approvato ed autorizzato dalla Corte dei conti ma non sono noti ancora i tempi.