Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 898
MODICA - 29/09/2007
Attualità - Modica - Il sindaco Torchi insiste sul fitto del tribunale

"La lettera pervenuta
dal Ministero è stupefacente"

Già avviata l’azione legale per il recupero del credito vantato Foto Corrierediragusa.it

« C’è una strategia del governo che mira ad invogliare i piccoli comuni a chiudere autonomamente i tribunali. Questa strategia si manifesta con comunicazioni del tipo di quella inviata al comune di Modica». Il sindaco Piero Torchi (nella foto)interpreta così, al di là della contestazione delle cifre e della legittimità delle richieste avanzate da palazzo S. Domenico al ministero della Giustizia, la comunicazione del direttore generale del ministero con la quale si dice che nulla è dovuto per il fitto del palazzo di giustizia. «Una lettera stupefacente, dice il sindaco, che non ha alcun valore amministrativo, non è un’ordinanza né un decreto, non ha valore giuridico e non può essere impugnata davanti al Tar».

Torchi conferma l’intenzione della sua amministrazione di tenere duro, di avere già prima della comunicazione del ministero avviato una azione giudiziaria per il recupero del debito, di avere la solidarietà dell’Anci. Piero Torchi ribadisce ancora una volta la sua posizione e nella sua memoria fa la cronistoria dei rapporti tra l’amministrazione comunale ed il ministero sin dal 2001 confermando che il debito vantato è di sei milioni 179 mila euro. « Rispetto a questa somma, dice il sindaco, abbiamo ricevuto un acconto in questi sei anni di 417mila euro , pari al sei e mezzo per cento dell’importo.

Tre milioni erano dovuti per il fitto del nuovo tribunale mentre un milione 600mila riguardano il 2001, 2002 e 2003. Altri due milioni di euro riguardano le spese del 2004,2005, 2006 per il funzionamento e le spese correnti che sono ad incontestabile carico dello stato.»

Per il sindaco il credito vantato ammonta dunque a due milioni 750 mila euro per i costi di gestione e anche questo dato è ammesso come rimborso dal ministero. Per quanto riguardo il fitto Torchi ha le sue certezze corroborate da una relazione della commissione nella quale siedono i vari rappresentanti degli ordini professionali e della magistratura ed i quattro sindaci del comprensorio.