Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1232
MODICA - 20/12/2012
Attualità - Un appuntamento per riflettere e per fare

"Perché no"? Progetto di inclusione sociale

Una giornata seminariale si è svolta al Palazzo della Cultura

Un workshop a contenuto consuntivo inerente il progetto di inclusione sociale "Perché no?" questo il contenuto della giornata seminariale che si è svolta a Modica al Palazzo della Cultura. Gli attori protagonisti del progetto, gli assistenti sociali e parte dei partner del progetto che vede coinvolti i Comuni di Modica, Pozzallo, Scicli ed Ispica, si sono dati appuntamento per riflettere a consuntivo sulle modalità di realizzazione e svolgimento del progetto che è stato indirizzato ai giovani a rischio marginalizzazione e agli immigrati con particolare riferimento ai reclusi nella casa circondariale di Modica Alta. L´incontro è servito a focalizzare l´attenzione sulle realizzazioni di "perchè no?" nella città di Modica con particolare riferimento alle esperienze di laboratorio protetto realizzate in favore di giovani presso il laboratorio dolciario don Puglisi e a beneficio degli immigrati presso la casa circondariale di Modica.

Il laboratorio protetto è stata una sperimentazione di metodologia di formazione pratica, volutamente differente rispetto all´impostazione classica del corso di formazione.Il Progetto «Perché No? Un percorso di inclusione sociale e lavorativo», è nato infatti con l’obiettivo di favorire l’inclusione lavorativa di persone immigrate e di giovani a rischio di marginalità sociale, rafforzandone le competenze, la consapevolezza di sé e delle proprie potenzialità.

Il progetto ha operato sulla scia metodologica di un’Agenzia di Inclusione Sociale che prende in carico i singoli destinatari, attuando interventi personalizzati a sostegno dell’inserimento lavorativo di persone socialmente svantaggiate. A tal proposito per raggiungere simili finalità sono stati previsti percorsi integrati di orientamento, formazione, work experience e laboratori protetti, articolati sulla base delle priorità sociali individuate nel progetto.

E´ intervenuto al workshop Stefano Radaelli, coordinatore dell´agenzia per il lavoro Mestieri di Milano. Stefano Radaelli ha offerto, attraverso la sua compiuta e dettagliata relazione, una panoramica teorico esperienziale sull´argomento della inclusione sociale sui principi fondanti e best practice metodologiche. Tra gli altri relatori Salvatore Occhipinti, direttore di progetto che ha relazionato sull´argomento "Il Progetto Perché no? Un percorso di inclusione sociale e lavorativa". Il prossimo appuntamento conlcusivo del progetto è previsto per giorno 21 dicembre a Pozzallo, comune capofila del progetto