Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 479
MODICA - 16/12/2012
Attualità - Coinvolte associazioni, scuole, privati per la realizzazione del progetto

Ritorna "Un canto di luce" ricco di "multiculturalità"

Sulla scalinata di S. Pietro sabato alle 20 i bambini delle scuole dell’obbligo presenteranno canti della loro tradizione Foto Corrierediragusa.it

Ritorna la manifestazione natalizia «Un canto di luce» a Modica. Sarà un vento all’insegna della multiculturalità, delle contaminazioni delle culture, della diversità. Musica, canti, mostre, spettacoli ed anche addobbi avranno dunque questo motivo conduttore e vedono tra i protagonisti bambini e famiglie. Un’atmosfera di grande comunione in sintonia con il Natale dove la luce gioca il ruolo di protagonista sia per illuminare strade e quartieri ma soprattutto per indicare la strada per andare verso un futuro migliore. I bambini delle scuole elementari e medie hanno contribuito a realizzare «Il tappeto volante».

Questo si estenderà per cento metri, 1.300 metri quadrati in tutto, da piazza Monumento alla chiesa di S. Pietro. E’ realizzato con fondi di bottiglia di plastica raccolte nelle scuole e riverniciate. Altro momento importante il coro multietnico che si esibirà sabato 22 alle 20 sulla scalinata di S. Pietro riproponendo l’esperienza positiva dello scorso anno. Sarà un coro multietnico dove saranno interpretate canzoni e nenie pakistane, tunisine, marocchine, indiane, cinesi grazie allo sforzo di recupero e traduzione operato dalle famiglie e da alcuni mediatori culturali. Un «canto di luce» che vuole riscoprire la propria memoria sotto l’aspetto della coralità e della condivisione. In questo contesto ad alcuni bambini provenienti da altre are del mondo sarà consegnata la cittadinanza onoraria della città grazie alla collaborazione con l’Unicef.

A palazzo S. Domenico sdarà ospitata una installazione che prevede quattro strutture metalliche pendenti, mentre in piazza Rizzone sarà sistemata una stella di lamiera. Non mancheranno le mostre, tra cui quella sull’Africa alla Società Operaia, sui presepi nella chiesa di S. Michele a Modica Alta e nella chiesa di S. Paolo. IL Natale modicano è stato organizzato all’insegna della collaborazione con sponsor privati, associazioni ed imprese e l’amministrazione ha sostenuto solo i costi di organizzazione e logistica.

(Nella foto: il montaggio delle strutture per "il Tappeto volante" in corso Umberto)