Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 796
MODICA - 14/12/2012
Attualità - Solo grazie all’impegno dell’associazione culturale "La città d’inverno" la 11ma edizione

Auditorium "Floridia" riapre per stagione cinematografica

Una città senza spazi culturali dove i privati devono provvedere all’allaccio della fornitura elettrica

Chiude il cinema Aurora, riapre l’auditorium Floridia. Si deve ai giovani della associazione «La Città nascosta» l’apertura, almeno temporanea, dell’immobile di piazza Matteotti. L’auditorium è stato restaurato e riportato alla sua funzionalità ma è rimasto chiuso da un anno e più perché l’Enel non fornisce l’energia elettrica per il debito contratto dal comune con la società. L’auditorium è rimasto così inutilizzabile ma riaprirà il 21 di questo mese e fino tutto marzo grazie alla rassegna cinematografica organizzata dalla associazione culturale. Si tratta della 11ma edizione della rassegna che è stata fortemente voluta dagli organizzatori per non interrompere un appuntamento ormai consolidato nel tempo. Diverse le soluzioni ricercate per allestire uno spazio cinematografico dopo la chiusura del cinema Aurora che ha tradizionalmente ospitato il cineforum. La soluzione è venuta dalla disponibilità dell’auditorium Floridia anche se la associazione si è dovuta sobbarcare i pesanti costi di allaccio di un contatore, seppur temporaneo, per la fornitura di energia elettrica.

Lo spazio all’interno dell’auditorium dovrebbe essere sufficiente visto che sono 130 i posti a sedere ed altri possono essere ricavati ma è desolante in una città che parla spesso e volentieri di cultura notare che non esistono in realtà spazi dove ospitare in modo degno ed accogliente manifestazioni culturali. Un handicap che danneggia giovani, promotori culturali, associazioni, costretti a fare salti mortali e a sopperire alle deficienze di un ente pubblico che si fa trovare sempre più sovente impreparato ed inadeguato. La rassegna cinematografica avrà dunque inizio con un evento speciale come «Gelati e granite» del giovane regista Ivano Fachin.

Proposti poi 14 film ed altri tre eventi speciali fino alla chiusura del 27 marzo. Selezionati film di autore, che non rientrano nei circuiti commerciali con opere di registi come Bellocchio, Loach, Bertolucci, Nicholss, Majevski.