Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 337
MODICA - 04/12/2012
Attualità - Surroga nella civica assise

In consiglio a Modica entra Abate

Ancora un rinvio invece per quanto riguarda l’attesa discussione sulla finanza di progetto del cimitero comunale

Ancora un rinvio in consiglio comunale per quanto riguarda l’attesa discussione sulla finanza di progetto del cimitero comunale di Piano Ceci. L’assenza di uno dei proponenti della discussione in aula ha fatto saltare il punto all’ordine del giorno. Per quanto riguarda invece la paventata soppressione dell’ufficio postale di Marina di Modica, il sindaco Antonello Buscema sarà tra una settimana a Palermo per concordare una soluzione alternativa. La seduta della civica assise è stata comunque produttiva, avendo proceduto alla surroga del consigliere Carmelo Abate, dichiaratosi indipendente, pur essendo un popolare aderente al centro sinistra.

Rinviata invece la surroga dei componenti le commissioni, mentre è stata votata all’unanimità l’adesione alla convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, di cui ieri era la giornata celebrativa. Presenti sedici consiglieri, il presidente Carmelo Scarso ha evidenziato la necessità di ricostituire il civico consesso dopo le dimissioni del consigliere Salvo Maltese. Come accennato, quindi, ha fatto il suo ingresso in consiglio il primo dei non eletti nella lista di Maltese, ovvero Carmelo Abate, già consigliere e assessore comunale.

Abate ha dichiarato di essere onorato di far parte del consesso «Pur non condividendo – ha detto in aula lo stesso Abbate – i percorsi e le scelte politico – amministrative di questa amministrazione». Per quanto riguarda il piano di riequilibrio finanziario, il sindaco ha fissato un calendario di sedute del consiglio comunale al 14 dicembre, quando sarà predisposta una proposta operativa, e per il 28 dicembre, quando si dovrebbe procedere all’approvazione del piano. Lo stesso presidente del consiglio aveva sollecitato l’amministrazione a predisporre gli atti per la discussione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, atteso che restano a disposizione appena venti giorni di tempo, con la raccomandazione di portare in consiglio il bilancio preventivo per l’anno 2012 con la certificazione di ogni dirigente sulla situazione debitoria.