Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 740
MODICA - 01/12/2012
Attualità - Lunedì intanto apre la strada che costeggia l’imponente immobile sottoposto a ristrutturazione

Palazzo dei Mercedari, servono ancora 582mila euro

Il blocco del contributo da parte della Regione non ha consentito di riaprire il palazzo dopo dieci anni della sua chiusura

Cominceranno lunedì i lavori per il completamento dell’area esterna di Palazzo dei Mercedari. Il piazzale, che negli ultimi anni è stato chiuso nel recinto dell’area di cantiere, non solo verrà liberato, ma sarà oggetto di interventi di sistemazione e valorizzazione.

Questi lavori saranno possibili grazie alle economie del finanziamento con cui sono stati realizzati i lavori di consolidamento e restauro dell’immobile. Proprio in questi giorni l’ufficio tecnico hamesso a punto la contabilità relativa a questi interventi e l’amministrazione ha dato il proprio indirizzo affinché si proceda al completamento delle aree esterne al Palazzo.
Con queste somme, in particolare, verranno sistemati gli spazi pedonali lungo il perimetro dell’edificio e successivamente, una volta rimosse le recinzioni dell’area di cantiere, verrà fatta tutta la nuova pavimentazione carrabile.

Si tratta di interventi che richiederanno, tempo permettendo, appena due settimane per essere conclusi. Grazie a questi lavori sarà possibile liberare il prospetto dell’imponente palazzo e nel contempo restituire il decoro necessario a tutta la zona che insiste nell’area del santuario della Madonna delle Grazie.

Ben diverso il discorso per la riapertura del palazzo dei Mercedari, che ha originariamente ospitato la biblioteca comunale al piano terra ed il museo delle arti e tradizioni popolari «Serafino Amabile Guastella» al secondo piano. La Regione deve sbloccare ancora i 582mila euro che l’amministrazione ha ottenuto partecipando ad un bando europeo. Il blocco del contributo non ha consentito di riaprire il palazzo dopo dieci anni della sua chiusura.