Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1474
MODICA - 30/11/2012
Attualità - Il Movimento per il partito del Lavoro è intervenuto sulla vicenda

Per Maggio "I loculi sono cari"

L’affidamento alla Servizi cimiteriali Modica, ScM, società privata che ha avuto la gestione per 25 anni della struttura di Piano Ceci continua a sollevare dubbi a cominciare dai prezzi dei loculi imposti ai cittadini Foto Corrierediragusa.it

Loculi troppo cari. Il Movimento per il partito del Lavoro è intervenuto ancora una volta sulla questione cimitero dove grazie al finanziamento di un progetto è in corso di realizzazione la nuova ala dove sorgeranno loculi e cappelle private. L’affidamento alla Servizi cimiteriali Modica, ScM, società privata che ha avuto la gestione per 25 anni della struttura di Piano Ceci continua a sollevare dubbi a cominciare dai prezzi dei loculi imposti ai cittadini. Orazio Maggio, a nome di MPL ha evidenziato infatti che a fronte di un costo di 2135 euro per un loculo si riscontra a Scicli un prezzo di 1499 euro ed a Vittoria di 1319. Oltre ai prezzi che sono notevolmente più bassi a Modica gli acquirenti dovranno attendere Ottobre del 2015 per entrare in possesso del loculo perché questo è statao il termine stabilito nella convezione firmata con l’ente.

Dice Orazio Maggio: «Le perplessità non finiscono qui, sarebbe infatti immaginabile in condizioni di libero mercato la pretesa di una caparra del 60% del prezzo finale a fronte di una prevista consegna lavori nell’ottobre 2015? Appare invece evidente che in siffatta maniera e sotto la minaccia della decadenza dal diritto, la società aggiudicatrice ha trovato un sicuro e immediato sistema di raccolta capitali eliminando la residua logica del project financing dal momento che la società contribuirà alla realizzazione dell’opera non con capitali propri ma con quelli dai cittadini modicani».