Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1146
MODICA - 08/11/2012
Attualità - Lamentata la scarsa cura della struttura di via Sacro Cuore

Centro diurno per disabili oggetto di polemiche

Scambio di vedute tra il consigliere Pdl, Nino Gerratana, e l’assessore ai Servizi sociali, Giovanni Giurdanella

Il centro diurno per disabili di via S. Cuore è oggetto di polemica tra il consigliere Pdl, Nino Gerratana, e l’assessore ai Servizi sociali, Giovanni Giurdanella. Il consigliere Pdl infatti ha lamentato la precarietà dei servizi offerti nella struttura a cominciare una manutenzione approssimativa e la mancanza di acqua calda.

Gerratana inoltre ha sollevato il problema del pagamento dei salari agli operatori del centro che assistono una ventina di soggetti. La operativa il grippo ha finora assicurato i servizi ma l’amministrazione ha provveduto nei giorni scorsi a revocare l’affidamento dell’incarico a causa delle irregolarità contributive che la cooperativa ha inanellato. Si tratta di una pratica avviata già nello scorso settembre e che ha portato ora alla risoluzione del contratto che mette a rischio il pagamento degli operatori. Spiega l’assessore Giovanni Giurdanella: «Non è il Comune che non paga da diciassette mesi gli operatori, bensì la cooperativa che non è in condizione di farlo.

Il mancato pagamento dei lavoratori alle dipendenze dalla cooperativa affidataria - sia in un’ottica di generale tutela dei cittadini che di prevenzione di interruzioni dei servizi da parte dei dipendenti non retribuiti regolarmente - non è stato trascurato dal Comune; tanto che gli incontri tenutisi con la cooperativa e con la partecipazione dei Sindacati sono stati volti ad individuare le somme ancora dovute a Il Gruppo, proprio al fine di assicurare il pagamento, a cascata, dei dipendenti».

L’amministrazione si è fatta dunque garante del prosieguo del rapporto con la nuova cooperativa cui sarà affidato il servizio. Per quanto riguarda la manutenzione l’assessore ha dato mandato ai tecnici di intervenire; la caldaia sarà sostituita ed altre piccole manutenzioni saranno eseguite per tempo. «Facciamo la nostra parte – dice l’assessore – Ci assumiamo le nostre responsabilità e chiedo scusa ai nostri ospiti per quanto hanno sofferto in questi giorni ma risolveremo presto i loro problemi».