Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 744
MODICA - 08/11/2012
Attualità - C’è un arretrato di sette fatture ancora da pagare

Pagato uno stipendio ai netturbini, resta la tensione

Per il titolare della Puccia la situazione è ormai diventata "insostenibile"

Solo uno stipendio pagato e quattro restano arretrati. «Siamo in ginocchio» dice Giorgio Puccia, titolare della omonima impresa che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti in città. «La situazione è insostenibile perché il comune deve ancora pagare sette fatture arretrate per quasi due milioni 800 mila euro. Non sono in grado di andare avanti e soprattutto di espormi ancora con le banche». Giorgio Puccia ha chiesto un incontro con il prefetto e con l’amministrazione per venire a capo di una situazione che non riesce più a gestire.

I lavoratori hanno avuto il pagamento in questi giorni dello stipendio di Giugno ed il versamento degli oneri previdenziali grazie alla fattura di 320 mila euro pagata da palazzo S. Domenico. Una goccia che ha comunque consentito ai lavoratori di andare avanti pur tra tante difficoltà. Il titolare dell’impresa inoltre lamenta il fatto che l’ente non riconosce ai lavoratori i giorni di ferie ed è l’impresa a doversi fare carico dei costi relativi. «Sono altri cinquanta mila euro che gravano sull’impresa» chiarisce ancora Giorgio Puccia.

Il servizio, ormai in stato di proroga da due anni a questa parte in attesa del bando europeo da sei milioni l’anno, deve essere comunque garantito ma questo avviene a scapito degli operatori che hanno promosso proteste ed occupazioni nel corso dell’ultimo mese ma sono arrivati a percepire solo uno stipendio con grande delusione di tutti.