Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 877
MODICA - 15/03/2008
Attualità - Modica - Seminario alla facoltà di scienze del governo a Modica Alta

Modica: "Cittadini e decisione pubblica"

Al centro la legge della Regione Toscana sulla partecipazione Foto Corrierediragusa.it

«Cittadini e decisione pubblica» : il caso della legge Regionale Toscana sulla partecipazione.

Questo il tema del seminario che si è svolto nell’università di Scienze del Governo e dell’Amministrazione a Modica Alta organizzato dalla docente di sociologia, Rosanna Sampugnaro, a cui hanno partecipato il Preside Giuseppe Barone (nella foto), Antonio Floridia ,dirigente del Settore Politiche per la Partecipazione della Regione la Regione Toscana e Piero Torchi, Presidente del distretto culturale del sud-est.

Argomento dell’incontro è stata la nuova legge della Regione Toscana sulla partecipazione, entrata in vigore il 18 gennaio 2008.

? giusto seguire la volontà della gente? Come si costruiscono decisioni collettive che tengono il coinvolgimento attivo dei cittadini? Come i cittadini possono avere voce in capitolo se spesso le loro voci sono contraddittorie?

Questi alcuni degli interrogativi che sono stati posti durante l’incontro.

Un problema che assume forme diverse tra regione e regione, ma n realtà accomuna tutte le democrazie occidentali.

Il dottore Floridia ha dichiarato che oggi i canali di comunicazione tra la società e le istituzioni sembrano ostruiti e i partiti che fanno da tramite sono entrati in crisi.

Floridia ha continuato dicendo che le istituzioni locali spesso si ritrovano in situazioni di protesta, proteste organizzate da Comitati di cittadini che protestano sulla sindrome nimby.

Dunque il rapporto tra politica e amministrazione sta diventando sempre più complesso.

Anche Piero Torchi ha portato la sua esperienza sia come presidente del distretto culturale del Sud est sia come vicepresidente regionale dell’ANCI.

L’ex sindaco di Modica ha dichiarato che il vero problema è che tutti dobbiamo capire che a diritti corrispondono doveri, spesso devono essere fatte delle scelte per privilegiare l’interesse collettivo e non quello particolare. Riportando il problema della discarica che affligge la città della contea, Torchi ha continuato dicendo che la crisi del sistema partecipativo si caratterizza nei divieti, nel dire sempre più spesso «no» e nella mancanza di coraggio nello scegliere per l’interesse di tutti.

Il seminario obbligatorio per gli studenti del primo anno del corso di Laurea in Scienze del Governo, ha coinvolto non solo questi ma anche studenti degli anni successivi che hanno dichiarato che l’incontro è stato molto interessante.