Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1062
MODICA - 15/03/2008
Attualità - Modica - Un brutto biglietto da visita nel salotto buono della città

L´ex albergo centrale in rovina: va subito messo in sicurezza

Azione legale del comune contro i proprietari dell’immobile Foto Corrierediragusa.it

Quell’edificio deve essere messo in sicurezza. Si tratta dell’ex albergo Centrale (nella foto) di corso Umberto I, ormai in disuso da decenni, che sta cadendo letteralmente a pezzi. L’ultima caduta di un pezzo di un cornicione da uno dei balconi che si affacciano sul corso ha indotto l’assessore al centro storico Giovanni Scucces, a prendere penna in mano ed a promuovere una azione legale contro i proprietari dell’immobile.

Il fatto che la proprietà sia frazionata in dodici parti e che una buona parte di questi risiedano lontano dalla città ha complicato finora le cose. L’assessore Scucces tuttavia non si è fermato ed ha dato mandato ai legali del comune di notificare ai proprietari dell’immobile una diffida con la quale si intima di provvedere entro tre mesi per mettere in sicurezza l’edificio.

Se entro il termine assegnato balconi, mensole ed infissi non saranno quanto meno rese sicuri il comune avvierà una azione penale per tutelare l’incolumità pubblica. Oltre al dato della sicurezza c’è poi la presenza nel cuore della città , proprio difronte a palazzo S. Domenico, di uno stabile che versa in condizioni disastrose, invaso da erbacce, con muri scrostati, con grondaie inesistenti, con un ingresso malmesso.

L’assessore al centro storico aveva avviato già lo scorso anno una iniziativa nei confronti dei proprietari sollecitandoli ad intervenire ma finora non ha avuto alcun riscontro, pur se era stato anticipato un progetto di recupero e ristrutturazione di cui non c’è traccia negli archivi comunali.