Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 498
MODICA - 13/09/2012
Attualità - Raccolte già oltre un centinaio di firme per ripristinare la situazione originaria

Caos viabilità a Modica Alta, i sensi unici fanno infuriare

Residenti, commercianti ed automobilisti: "Ci stanno prendendo in giro, giocano sulla nostra pelle assumendo decisioni unilaterali"
Foto CorrierediRagusa.it

Monta la protesta di commercianti, residenti ed automobilisti «spiazzati» dalla nuova segnaletica stradale a Modica Alta. Nel tratto da piazza San Giovanni a via Gesù fino alla parte terminale di via Loreto, sono già state apposte le prime segnaletiche stradali verticali di senso unico di marcia. Da parte dei residenti sono state raccolte già qualche centinaio di firme per una petizione da presentare al sindaco Antonello Buscema affinché ripristini l’originaria viabilità.

«Siamo alle solite – riferisce il titolare di un esercizio commerciale – perché si decide in maniera arbitraria senza rendersi conto dei disagi e del caos ai danni di chi in questa zona ci deve vivere e lavorare. Chi per esempio abita nella zona di via Loreto e delle numerosissime traverse limitrofe, come via Liguria, via Piemonte e via discorrendo – prosegue il commerciante – per raggiungere il viadotto Nino Avola , che disterebbe dalle zone in oggetto appena poche decine di metri, adesso dovrà invece sorbirsi un largo giro da piazza San Giovanni, chiesa di Sant´Antonino e di Santa Maria del Gesù, con un enorme dispendio di tempo, e, soprattutto, di benzina, con quel che costa, allungando il percorso di almeno un paio di chilometri.

Per non parlare di chi abita nel quartiere San Giovanni che, adesso – prosegue il commerciante – per raggiungere la stessa meta dovrà fare un giro assurdo scendendo in direzione di piazza Santa Teresa per arrivare poi fino alla parte terminale di viale Manzoni, dove, fra le altre cose, due volte al mese si svolge il mercato». «Ma sono forse impazziti», dichiara adirata una commessa che tutti i giorni parte dalla zona oggetto del cambio di viabilità per raggiungere il Polocommerciale per raggiungere il luogo di lavoro: «Mi sento già come in una giostra», conclude la donna. In buona sostanza, una vera e propria «circumnavigazione» dei quartieri attuata con tempismo «perfetto» dall’amministrazione proprio nell’imminenza della riapertura delle scuole, ubicate a Santa Teresa e San Teodoro. Giusto per semplificare la vita.

Nella foto in alto i divieti in via Loreto. Nella foto sotto il divieto d´accesso lungo la strada che costeggia la chiesa di San Giovanni a salire. Cliccate per ingrandire