Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 648
MODICA - 09/09/2012
Attualità - Visita al museo del cioccolato e cerimonia a palazzo S. Domenico

Il 17mo Giro della Provincia rende onore a Gigi Olivari

La manifestaizone promossa dal Veteran Car Club, presieduto da Vito Veninata
Foto CorrierediRagusa.it

E’ stata una giornata in memoria di Gigi Olivari. Al campione di automobilismo genovese tragicamente morto a bordo della sua Maserati A6GCS n° 333 nel corso della 17ma edizione del giro di Sicilia a causa di un incidente sulla Modica – Ispica cinquanta anni fa, è stato intitolato il primo tratto della Modica mare. La cerimonia, inserita nell’ambito della 17ma edizione dell’ Autogiro della Provincia di Ragusa organizzata dal Veteran Car Club di Ragusa, ha visto nel pomeriggio di ieri una prova di regolarità per gli ottanta partecipanti all’Autogiro, denominata «1° trofeo Azzarelli». Le auto hanno percorso un tratto del corso Umberto per una prova speciale e si sono fatte ammirare dai presenti.

In particolare una Lancia Augusta del 1936, una Fiat Balilla del 1935, una Ford del 1926 ed una Lancia Cabrio del 1926. Contenti del successo della manifestazione gli organizzatori, tra cui Vito Veninata, presidente del Veteran Car Club. In mattinata la carovana variopinta di macchine è stata ospite presso il museo del Cioccolato, dove è stata accolta dal presidente del Consorzio di Tutela del Cioccolato, Nino Scivoletto.

Presenti, tra gli altri, Patrizia e Maurizio Olivari, figli di Gigi Olivari cui Aldo Puglisi, uno dei cioccolatieri del Consorzio, ha donato la cartolina in cioccolato con l´immagine di Gigi Olivari, che resterà al Museo. Successivamente la carovana si è portata in Via Nazionale, via Sacro Cuore fino all´incrocio della Circonvallazione Ortisiana e quindi all´ingresso di via Torre Cannata, dove è stata scoperta la targa con il nuovo nome della via.