Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:41 - Lettori online 1459
MODICA - 08/09/2012
Attualità - Le aule della scuola elementare di via Garibaldi all’ex sede Enipmi a S. Francesco alla cava

Nuove sedi per uffici comunali. Urbanistica all´ex Azasi

Pubblica Istruzione e Turismo vanno al Palazzo della Cultura in corso Umberto
Foto CorrierediRagusa.it

Trasferimenti in corso per gli uffici comunali (nella foto). Il più importante e delicato riguarda tuttavia la nuova sistemazione delle aule della scuola elementare di via Garibaldi che dalla prossima settimana, in coincidenza con l’inizio della anno scolastico, saranno sistemate nell’ex sede Enipmi nella zona di S. Francesco alla Cava.

Il trasferimento è stato reso necessario dall’inizio dei lavori di consolidamento e funzionalizzazione dell’edificio di via Garibaldi che sarà realizzato grazie al finanzim4nto di un milione 600mila euro messo a disposizione dalla Protezione civile. Questo trasferimento ha portato ad un movimento a scacchiera di altri uffici ospitati nella sede di S. Francesco alla Cava. L’amministrazione ha infatti colto la palla al balzo per razionalizzare la sistemazione degli uffici comunali e proprio in questi giorni è in corso il trasloco sia al palazzo della Cultura, sia al palazzo Campailla, sia nella sede dell’ex Azasi. Qui infatti troveranno nuova sede l’Ufficio Urbanistica, che si sposta da palazzo Campailla, lo sportello Unico, già al palazzo della Cultura e l’Ufficio Commercio, già all’ex Enipmi.

Al palazzo della Cultura vanno invece il settore Pubblica Istruzione e Turismo. A palazzo Campailla andranno i Servizi Sociali. Entro la settimana il trasloco di computer, archivi ed arredamento sarà completato e la piena funzionalità riprenderà da lunedì prossimo.

Dice il sindaco Antonello Buscema: «Gli ambienti di lavoro saranno finalmente resi funzionali grazie ad un’adeguata sistemazione degli spazi e soprattutto alla dotazione informatica, che consentirà l’attivazione della posta certificata e dei servizi telematici. Per il settore Urbanistica in particolare sappiamo, infatti, che creare le condizioni affinchè il mondo professionale e imprenditoriale possa ottenere dall’ente pubblico risposte celeri e adeguate vuol dire anche incoraggiare gli investimenti e sostenere il normale sviluppo della città».