Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1060
MODICA - 28/08/2012
Attualità - Manca in consiglio il quorum per approvarla

Quella variante al Prg "maledetta" di Modica

Continua il «sortilegio» che da anni impedisce l’adozione della variante

Una variante al Prg «maledetta»: manca in consiglio il quorum per approvarla, stante l’incompatibilità di ben 15 consiglieri, e pertanto non se ne fa nulla. Preso atto di ciò, il presidente della civica assise Carmelo Scarso ha chiesto l’invio di un commissario ad acta, restituendo gli atti al Sindaco. Continua quindi il «sortilegio» che da anni impedisce l’adozione della variante per varare il nuovo piano regolatore generale, di cui Modica è sprovvisto, avendo per questo motivo accumulato nel passato (anche recente) scempi ambientali di portata tutt’altro che trascurabile.

«Questa presidenza del consiglio comunale – si legge nella nota pervenuta da palazzo San Domenico – non può inserire la variante al Prg all’ordine del giorno del consiglio in quanto i consiglieri compatibili risultano inferiori al quorum strutturale ordinario prescritto dall’apposito articolo». La comunicazione è stata girata all’assessorato regionale al territorio ed ambiente, dipartimento regionale urbanistica, e, per conoscenza, al sindaco Antonello Buscema. Il presidente Scarso, come accennato, ha anche invitato l’assessorato regionale a nominare un commissario ad acta per l’adozione dello strumento urbanistico. Il rischio della mancata approvazione della variante era nell’aria, alla luce dei nuovi ritardi che si erano accumulati e che lasciavano presagire ad un nuovo buco nell’acqua, sempre a causa della incompatibilità dei consiglieri comunali per motivi, in primis, di parentela.