Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 553
MODICA - 08/03/2008
Attualità - Modica - La compagnia degli animali come "terapia" per i bimbi

Modica: Convegno sulla Pet therapy

Ausl attenta alle terapie assistite con gli animali Foto Corrierediragusa.it

E’ il legame unico che si instaura tra l’animale e l’uomo che può salvare quest’ultimo da manifestazioni più o meno gravi di depressione, o da altre patologie. Il dato è stato evidenziato nel convegno su «La pet therapy come evoluzione rapporto uomo ? animale», organizzato al palazzo della Cultura dall’Associazione mogli medici italiani in collaborazione con l’Ausl 7.

Dopo l’introduzione della presidentessa dell’Ammi Graziella Ruta Macauda, è stato il turno del direttore dell’Unità operativa di zoo antropologia dell’Ausl Gaetano Gintoli. «Nel nostro settore ? ha detto il relatore alla folta platea ? ci stiamo specializzando nelle attività assistite con gli animali, in favore dei bambini con handicap fisici o psichici. Il lavoro di gruppo, così come previsto dalla pet therapy, coordinato da un equipe multidisciplinare composta da psicologi, medici e veterinari, ha portato ottimi risultati.

I bimbi ? ha concluso Gintoli ? rispondono bene agli stimoli, reagendo in maniera positiva proprio grazie al rapporto personale che instaurano con l’animale, cane o gatto che sia. Un rapporto che li incoraggia a combattere meglio le rispettive patologie, instillando loro una rinnovata voglia di fare». Ed in effetti fu proprio in base a questa intuizione che il neuropsichiatra infantile americano Boris Levinson elaborò nel lontano 1953 in concetto di «pet therapy», importato in Europa un ventennio dopo dal veterinario francese Ange Condoret.

Gintoli ha specificato che la pet therapy non può e non deve sostituire le tradizionali cure mediche, ma può risultare un utile strumento per aiutare il paziente, soprattutto se in tenera età. Un concetto in cui l’Ausl crede. Non a caso l’unità operativa diretta dallo stesso Gintoli aumenterà nelle prossime settimane il suo raggio d’azione.

(Nella foto in alto Gaetano Gintoli e Graziella Ruta Macauda)