Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 661
MODICA - 11/08/2012
Attualità - Una provincia spaccata in due dal punto di vista climatico

Maltempo: mezzora di inferno nel Modicano

Sedie e tavoli dei bar in mezzo alla strada, detriti e fogliame sull’asfalto, tombini saltati e un fiume d’acqua alto almeno cinque centimetri

Una provincia spaccata in due dal punto di vista climatico. Chi l’avrebbe mai detto che la settimana antecedente il ferragosto avrebbe riservato ai modicani un fortunale degno dei più rigidi mesi invernali? Chi ha avuto ieri la sventura di trovarsi per strada dalle 13 alle 13.30, ha sperimentato sulla propria pelle quanto distruttivo e violento possa essere un acquazzone estivo. In pochi minuti si è sollevato un inferno di acqua, grandine e vento impetuoso che ha spazzato gli alberi e ridotto praticamente a zero la visibilità, costringendo gli automobilisti ad accostare.

Sedie e tavoli dei bar in mezzo alla strada, detriti e fogliame sull’asfalto, tombini saltati e un fiume d’acqua alto almeno cinque centimetri che ha invaso il centro storico di Modica. Una mezz’ora che è sembrata lunga un secolo e nel corso della quale sono giunte decine di telefonate ai vigili del fuoco da parte di cittadini allarmati. Nonostante tutto questo, però, proprio i pompieri hanno fatto sapere che non si sono verificati danni a persone o cose. La brevità del temporale ha fatto sì che tutto si risolvesse nella classica bolla di sapone, ma l’apprensione è stata comunque parecchia, specie al quartiere Sorda, dove un fulmine caduto nella zona del Polocommerciale ha provocato un mini blackout. Altri acquazzoni delle medesima intensità sono previsti anche per le prossime ore, per cui si raccomanda prudenza.


Avevo ragione
12/08/2012 | 12.33.14
Francesco

Allora avevo ragione!! Ho sentito un botto enorme, era dunque un fulmine caduto qui vicino (abito vicino a moda italia)!!