Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1178
MODICA - 10/08/2012
Attualità - Sono stati trovati in un ipogeo nel corso dei lavori di ristrutturazione dell’immobile

Materiale funerario ed uno scheletro a palazzo Polara

Il palazzo per legato testamentario è destinato a diventare pinacoteca della città; grazie ai ritrovamenti si candida ora ad essere un polo museale importante, come ha sottolineato l’archeologo Saverio Scerra

I lavori di ristrutturazione di palazzo Polara hanno portato alla luce alcuni locali sotterranei che sono databili attorno al 1° secolo avanti Cristo. Si tratta di ipogei dove sono stati trovati anche uno scheletro e materiale funerario. Tra questi vasetti votivi a corredo delle tombe ed una luminaria con un rilievo di un cavaliere ed altri pezzi, tra cui varie forme di pentolame.

La scoperta è stata opera degli operai del cantiere di lavoro di ristrutturazione del palazzo; il direttore del cantiere ha allertato di conseguenza la Sovrintendenza che ha preso atto della situazione ed effettuato i rilievi del caso. E’ stato concordato che con i fondi a disposizione i lavori dovrebbero continuare ancora per tre settimane.

Sorpresa maa anchge soddisfatta l’assessore alla Cultura, Anna Maria Sammito: «Dal 1878 non venivano effettuati scavi, e adesso questa bella sorpresa che apre un capitolo importante per leggere la storia della città. Lavoreremo per effettuare ulteriori e approfondite indagini in questo luogo e compulseremo la soprintendenza per concretizzare un piano scavi che vada al di là del finanziamento minimo previsto dall’appalto di completamento di Palazzo Polara».

Palazzo Polara, per legato testamentario è destinato a diventare pinacoteca della città; grazie ai ritrovamenti si candida ora ad essere un polo museale importante, come ha sottolineato l’archeologo Saverio Scerra che ha effettuato un sopralluogo per conto della Sovrintendenza.