Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1232
MODICA - 09/08/2012
Attualità - I titolari dei lotti non si sono presentati alla riunione convocata dall’amministrazione

Artigiani assenti ed il sindaco Buscema liquida ArtGest

Vito D’Antona, consigliere Sel, ha anche preso posizione chiedendo che su tutta la vicenda si faccia chiarezza in consiglio comunale

I soci non si presentano all’appuntamento ed il sindaco scioglie l’Art. Gest. Si tratta della società di gestione della zona artigianale di Michelica che era stata creata sei anni fa per provvedere a tutte le esigenze dell’area di Michelica e che l’allora amministrazione Torchi aveva voluto affidare proprio a quanti sono insediati nella zona artigianale perché più a diretto contatto con la realtà quotidiana e con i problemi del comparto.

L’Art. Gest. ha vissuto in questi anni lunghi momenti di pausa e gli stessi artigiani si sono disinteressati anche perché le risorse che erano state previste per il miglioramento della qualità dei servizi a Michelica non sono mai arrivate, almeno a sufficienza.

Il disinteresse e l’apatia registrate non sono piaciute né al sindaco né all’assessore allo sviluppo economico, Nino Frasca Caccia, che hanno deciso pertanto di liquidare la società. Antonello Buscema c’è rimasto male anche perché la riunione era stata convocata proprio per parlare del futuro dell’Art. Gest. « Abbiamo fatto degli sforzi ad esclusivo beneficio delle imprese - dice il sindaco - nel momento in cui viene evidentemente meno il loro interesse a questo tipo di prospettiva, viene meno anche la nostra ragione di insistere in questa direzione. Prendiamo atto della scelta delle imprese insediate di non credere più nell´utilità di questo strumento, che loro stessi in anni passati avevano chiesto a gran voce, se per garantirgli un futuro non si sono dimostrati disponibili a investire nemmeno la piccola somma che era necessaria per coprirne le spese di funzionamento».

Il sindaco ha avuto parole dure per gli artigiani ed ha considerato la loro scelta «miope» anche perché l’amministrazione aveva previsto che i canoni pagati dagli artigiani insediati a Michelica sarebbero andati alla società. Così non è stato e la decisione di sciogliere l’Art. Gest. ha creato già malumore e malcontento.

Vito D’Antona, consigliere Sel, ha anche preso posizione chiedendo che su tutta la vicenda si faccia chiarezza in consiglio comunale. Certo è che gli insediati a Michelica dovranno ora fare i conti con i tempi di palazzo S. Domenico piuttosto che amministrarsi da sé anche se alcuni artigiani rilevano che non avendo potuto contare in questi anni su nessuna risorsa c’era poco o niente da amministrare.