Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1332
MODICA - 03/08/2012
Attualità - I Carabinieri indagano nell’ambito dell’inchiesta della procura sulle cause

Riappare la schiuma scura in mare, è un fuggi-fuggi generale

Si è trattato di una lunga striscia marrone che dal moletto fino a metà spiaggia è stata trasportata dalla debole corrente verso la battigia fino ad altezza d’uomo
Foto CorrierediRagusa.it

Scocca mezzogiorno ed è fuggi fuggi generale dal mare. La schiuma si è avvicinata lentamente verso la spiaggia mettendo in allarme i bagnanti. Si è trattato di una lunga striscia marrone (foto) che dal moletto fino a metà spiaggia è stata trasportata dalla debole corrente verso la battigia fino ad altezza d’uomo. Poi dopo poco più di mezzora le chiazze scure si sono allontanate e non sono state più notate.

Grande il disappunto dei bagnanti presenti sulla spiaggia in un’ora particolarmente affollata, grazie anche alla bella giornata. La rabbia è stata ancora maggiore per chi stava prendendo il bagno, o peggio per chi stava nuotando e si è trovato nel centro della ampia chiazza. Ecco come la descrive una giovane che si trovava a mare con il suo ragazzo: «Siamo stati circondati da una schiuma densa e bianco-giallastra (a tratti addirittura male odorante, tanto da rendere ancor più ovvia l´origine disgustosa della scia compatta, trasportata dalle correnti).

Visibilmente nauseati, siamo "fuggiti" verso il bagnasciuga, accusando anche dei rossori, con annessi bruciori e pruriti vari, a livello cutaneo. Qualcuno ci ha pure raccontato di come le condizioni penose dell´acqua di Marina di Modica, quest´anno in particolare, abbiano causato fastidi ben più gravi del "semplice" prurito o bruciore della pelle. Chiediamo una risposta forte ed esaustiva per i bagnanti della frazione modicana, ormai palesemente scocciati». Per le autorità sanitarie la schiuma di Marina è ormai un bel rompicapo e l’urgenza di dare risposte ai villeggianti non aiuta visto che un paio di settimane la stagione estiva segnerà la fase discendente.

Dalla Procura della Repubblica, cui il sindaco Antonello Buscema si è rivolto si apprende che nessun nome è stato finora iscritto nel registro degli indagati dell’inchiesta avviata dalla procura di Modica L’indagine è stata avviata dal procuratore Francesco Puleio dopo l’incontro con il sindaco Antonello Buscema, l´assessore all´ambiente Giovanni Spadaro e il delegato per le frazioni marinare Leonardo Aurnia sulla problematica. L’indagine è stata affidata ai carabinieri che hanno perlustrato con una lancia e con l’ausilio di sommozzatori il tratto di mare che va dalle coste sciclitane e pozzallesi a quelle ispicesi, passando per Marina di Modica e Punta Regilione, dove la scorsa settimana aveva fatto la sua comparsa anche un discreta quantità di schiuma scura e maleodorante.

Alcuni bambini sono peraltro stati portati al pronto soccorso negli scorsi giorni per fastidiose irritazioni dermatologiche forse riconducibili proprio alle chiazze scure, sulle quali l’Arpa aveva effettuato delle analisi, giungendo alla conclusione che si trattava di «modesto inquinamento di natura organica». In altre parole, potrebbe trattarsi di rifiuti e reflui provenienti da fosse biologiche. E’ infatti questa l’ipotesi più accreditata, anche se non ancora suffragata da fatti.

Il dato certo è la presenza quasi quotidiana della schiuma che si manifesta in modo chiaro e consistente. Il malumore ed il disagio nella frazione sono palesi e palpabili.


Punta braccetto
03/08/2012 | 18.11.19
Fabio

Tale striscia marrone e´ stata notata oggi anche a punta braccetto a pochi metri dalla battigia. Perché nessuno interviene?


strascico a pozzallo
03/08/2012 | 16.06.49
orso

queste chiazze le ho notate anche vicino santa maria del focallo l´anno scorso come ho notato ieri intorno alle 18 due pescerecci fare strascico nel secondo braccio del porto di pozzallo come anche mettere le reti a 100 metri dalla riva ed intorno all´isola dei porri tutte zone vietatissime alla pesca, provare per credere .