Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 814
MODICA - 02/08/2012
Attualità - Per lo storico è arrivata la nomina nel Consiglio regionale dei Beni Culturali

L´ex presidente Lombardo nomina il modicano Barone

Il Preside di Scienze Politiche: "E’ una nomina esclusivamente tecnica. Niente a che fare con la politica, a cominiciare da quella locale"
Foto CorrierediRagusa.it

C’è anche un modicano nell’ultima infornata di nomine voluta dall´oramai ex Presidente della Regione Raffaele Lombardo. E che modicano! Si tratta infatti dell’ex Presidente del corso di laurea in scienze del governo e dell’amministrazione Giuseppe Barone (foto), noto anche come Uccio.

Lo stesso Barone, che, in passato, era stato assessore nella giunta Ruta e poi capogruppo degli allora Ds durante la prima amministrazione Torchi, svolgendo il delicato ruolo di capo dell’opposizione per il centrosinistra, e che ancora prima, per lo stesso schieramento, era stato candidato perdente a presidente della Provincia contro l’allora presidente Gianni Mauro. Lo stesso Barone che da un anno a questa parte è Presidente della Fondazione «Grimaldi» nella città della Contea.

Per Uccio Barone è adesso arrivata la prestigiosa nomina nel Consiglio regionale dei Beni Culturali. Una nomina, quella di Barone, voluta direttamente da Lombardo e che sancisce il definitivo approdo dello storico modicano sotto le insegne autonomiste. Un percorso che era iniziato già da qualche mese, a dispetto del suo anti lombardismo di antica memoria e della pregevole oratoria con la quale, in più occasioni pubbliche, ed in consiglio comunale, Barone aveva attaccato sia Lombardo, allora segretario regionale dell’Udc, sia il gruppo a lui fedele che cresceva in provincia di Ragusa ed in Sicilia.

Sarebbe interessante anche sapere qual è stato il gradimento nei confronti della nomina di Barone da parte del deputato regionale Mpa Riccardo Minardo, e del gruppo dirigente provinciale, atteso che proprio lo stesso Minardo era tra gli obbiettivi privilegiati degli strali del Barone «politico».

Per Minardo si tratta del secondo boccone amaro da ingoiare nel giro di pochi giorni, quando ha dovuto sopportare il risultato della bulimia da nomine del suo leader, ritrovandosi in provincia con due acerrimi avversari del recente passato, Aiello e Barone, entrambi ex Pci e Ds, a ricoprire rispettivamente le cariche di assessore Regionale all’Agricoltura e di componente del Consiglio regionale dei Beni Culturali. Che sia l’avviso di fine corsa?

La replica di Giuseppe Barone

Devo precisare che la nomina a componente del Consiglio Regionale dei Beni Culturali ha una valenza esclusivamente tecnica, dovendo designare il Presidente della Regione nove docenti universitari degli Atenei siciliani.

La carica ha durata quinquennale ed è a titolo gratuito. Essa non ha ovviamente alcuna attinenza con la politica locale. Da quando ricopro il ruolo di Preside di Facoltà per motivi istituzionali ho deciso di sospendere qualunque attività.


Grazie per la garbata lezione.
04/08/2012 | 15.53.19
Dott. Giovanni Nicastro

Avrei il piacere di ringraziare il sig. moak dal vivo. Mi dispiace non poterlo fare, visto che è rimasto legato al gioco del nascondino.Cattiva abitudine, a mio avviso, non esporsi. Rispetto ai contenuti ,alla sostanza, gli eventi nel tempo ci daranno le giuste risposte. basta saper attendere. Comunque auguro al prof. Barone buon lavoro visto che le competenze in materia non gli mancano.

Dott. Giovanni Nicastro


"Qual´è la differenza tra..."
02/08/2012 | 14.16.12
Moak

Probabilmente (o per lo meno si spera) l´intellettuale scriverebbe qual è senza l´apostrofo!


Coerenza? No, Grazie!
02/08/2012 | 5.00.25
dott. Giovanni Nicastro

Senza parole, di pancia.Se la notizia venisse confermata, di testa mi verrebbe spontanea una domanda: Qual´è la differenza tra un intellettuale e l´uomo qualunque. A questo punto: Nessuna! Peccato! Tanto tra la confusione generale, ognuno cerca di fare del propri meglio.