Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 645
MODICA - 28/07/2012
Attualità - Segnalate da alcuni bagnanti nella prima mattinata al largo della spiaggia

Ricompaiono le chiazze nel mare di Marina di Modica

Le ultime analisi, tuttavia, sui campioni di acqua prelevati nel tratto di mare tra Marina di Modica e Maganuco parlano di parametri nei limiti della norma ed anche Goletta Verde ha confermato

La schiuma marrone è ricomparsa al largo della spiaggia di Marina di Modica. Il fenomeno delle chiazze a mare si è riproposto nelle prime ore della giornata di ieri quando per fortuna non c’era ancora molta gente a mare. Le chiazze sono state avvistate nelle zona al largo del moletto ma prima di mezzogiorno la situazione è ritornata nella normalità.

chiazze si sono infatti man mano allontanate non senza aver lasciato preoccupazione e timori nei bagnanti e nei residenti nella frazione. Il fenomeno, pur monitorato da settimane dai tecnici della Asp di Ragusa e dell’Arpa proprio per portare tranquillità nella frazione, non è stato evidentemente ancora arginato ma è soprattutto la sua origine che non si riesce a capire.

Le ultime analisi sui campioni di acqua prelevati nel tratto di mare tra Marina di Modica e Maganuco parlano di parametri nei limiti della norma ed anche Goletta Verde, che ha effettuato dei prelievi proprio nella zona antistante piazza Mediterraneo, non ha segnalato niente di preoccupante. La realtà tuttavia è ben diversa e sono in molti a lamentare stati febbrili e vomito che vengono attribuiti proprio alle non buone condizioni di balneabilità del mare. Molti bagnanti dal canto loro hanno anche segnalato pruriti in tutte la parti del corpo dopo avere preso il bagno.

Le autorità sanitarie seguono il caso ed il primario del pronto Soccorso del Maggiore, Carmelo Scarso, non ha notato un incremento di patologie dovute all’inquinamento dell’acqua; il sindaco ha chiesto al procuratore della repubblica un incontro per rappresentare la necessità di avviare un’indagine sul presunto inquinamento dell’acqua. Intanto il primo mese della stagione estiva se n’è praticamente andato con ripercussioni e stati d’animo non certo sereni da parte di quanti vivono il mare e si aspetterebbero un mare pulito e balneabile.