Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1617
MODICA - 24/07/2012
Attualità - La riqualificazione del quartiere Fontana

"Territorio" su progetto alveo: "Tutta colpa della giunta"

Per l’associazione si rischia di perdere il finanziamento

La lingua batte dove il dente duole. E così l’associazione «Territorio», che da tempo segue l’evolversi della vicenda del progetto di riqualificazione di via Fontana, torna a puntare i riflettori sulla vicenda. Secondo «Territorio», «Manca a tutt’oggi la documentazione essenziale per poter istruire in via preliminare il progetto, necessario per i lavori della richiesta conferenza speciale di servizi, per cui non è possibile, allo stato attuale, indire la suddetta conferenza".

Inoltre, come sostenuto sempre dall’associazione in una nota, «La compartecipazione del privato al progetto di riqualificazione dell’area con circa 10 milioni di euro è stata nel frattempo ridotta di circa due milioni». Il nodo sta sempre nell’edificazione delle cinque palazzine a ridosso dell’alveo, e sulla quale si dibatte in merito all’opportunità o meno di procedere in questo senso, sotto il profilo della sicurezza e dell’impatto ambientale.

«Noi di «Territorio» – prosegue la nota – di certo non vogliamo che si perda il finanziamento promesso dalla Regione, perché, indubbiamente, rappresenta una grossa opportunità per Modica, in questo momento di particolare crisi finanziaria globale. Nel caso però in cui, malauguratamente, dovesse perdersi il finanziamento – proseguono gli esponenti dell’associazione – vogliamo puntualizzare che la responsabilità non potrà essere addebitata all’ostruzionismo, non solo politico, al progetto di riqualificazione della zona, manchevole dei dovuti chiarimenti, quanto piuttosto agli esponenti dell’attuale amministrazione, con in testa il sindaco Antonello Buscema e l’assessore ai lavori pubblici Giuseppe Sammito, che – conclude la nota – hanno agito con modi, tempi e progettualità errati nella forma e nella sostanza».