Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1574
MODICA - 22/07/2012
Attualità - Provvedimento della Capitaneria di porto eseguito dai Carabinieri

Abusivismo su demanio: 40 barche sequestrate

Il sindaco Antonello Buscema si è incontrato con i prorpietari delle barche per un chiarimento Foto Corrierediragusa.it

Occupazione abusiva del demanio marittimo: sabato pomeriggio i Carabinieri hanno sequestrato circa 40 barche ormeggiate nel moletto di Marina di Modica. I militari dell’arma hanno agito su disposizioni della Capitaneria di porto di Pozzallo, che hanno accertato la violazione dell’articolo 54 del codice della navigazione da parte dei diportisti.

Il sequestro delle imbarcazioni è estraneo alla situazione di precarietà in cui versa il moletto, la cui concretizzazione del progetto di messa in sicurezza di sta protraendo alle calende greche, nonostante «l’amministrazione vi lavori da anni», come si legge nella nota giunta da palazzo San Domenico a proposito del sequestro delle imbarcazioni eseguito dai militari dell’arma. Una circostanza che ha gettato nella confusione e nel panico le decine di diportisti colpite dal provvedimento della Capitaneria di porto. L´operazione è partita grazie all´opera dei carabinieri della Motovedetta d´Altura di Pozzallo.

Evidentemente i proprietari delle barche non si rendevano conto regole che stavano violando, ormeggiando le proprie barche su un’area del demanio marittimo risultata occupata senza le necessarie e obbligatorie autorizzazioni, e quindi in maniera abusiva. Tanta la curiosità suscitata tra i passanti in piazza Mediterraneo dai militari, presentatisi nel tardo pomeriggio di sabato per apporre i sigilli alle imbarcazioni.

Curiosità mista ad apprensione, soprattutto per i proprietari delle barche, con i quali il sindaco Antonello Buscema si è incontrato per chiarire i termini della vicenda. «Ho già avuto un’interlocuzione con la Capitaneria di porto di Pozzallo e con i Carabinieri della compagnia Modica – ha riferito il primo cittadino – con l’obiettivo di poter concretizzare nelle prossime ore qualche soluzione, nel pieno rispetto della legge e delle regole».

Regole che evidentemente qualcuno non si è sentito in dovere di seguire, forse perché non a conoscenza del famoso articolo 54 del codice della navigazione. Ma si sa, la legge non ammette ignoranza.

Nella foto sopra, la zona del moletto a Marina di Modica


Adesso controlli anche altrove
24/07/2012 | 9.59.08
Piero

Era ora che qualcuno si svegliasse, però i controlli dovrebbero essere estesi anche altrove. E che sia vietato lasciare le barche sul demanio lo sanno benissimo i proprietari, però sanno anche che i controlli sono rarissimi. La solita repubblica delle banane dove fare i furbi paga sempre


finalmente giustizia
24/07/2012 | 1.10.24
nicola

Dopo averm rischiato le penne l´anno scorso per colpa di uno di questi armatori abusivi che è salpato con un catamarano dalla spiaggia di Donnalucata era ora che facessero qualcosa.
Chi ha la barchetta od il barcone si paghi anche il posticino dove metterla ..... che piovano multe e sequestri e non cerchiamo la scusa del porticciolo inagibile perchè in provincia per chi non fa il furbo i posti .... ci sono......!!!