Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1232
MODICA - 19/07/2012
Attualità - Sindaco e amministratori convocati dal procuratore

Chiazze scure, vertice in procura tra Puleio e Buscema

Alcuni bambini sono stati portati al pronto soccorso negli scorsi giorni per fastidiose irritazioni dermatologiche Foto Corrierediragusa.it

Potrebbe presto essere sciolto il nodo delle chiazze scure nel tratto di mare antistante Marina di Modica e Sampieri. Il procuratore Francesco Puleio (foto) incontrerà difatti il sindaco Antonello Buscema, l´assessore all´ambiente Giovanni Spadaro e il delegato per le frazioni marinare Leonardo Aurnia. L’incontro in procura fa seguito all’esposto presentato dall’amministrazione comunale sul sospetto inquinamento delle acque che si verifica ogni estate in coincidenza con il ripopolamento delle frazioni marinare e che quest´anno presenta profili oltremodo preoccupanti per la sicurezza e la salute dei cittadini.

Alcuni bambini sono peraltro stati portati al pronto soccorso negli scorsi giorni per fastidiose irritazioni dermatologiche forse riconducibili proprio alle chiazze scure, sulle quali l’Arpa aveva effettuato delle analisi, giungendo alla conclusione che si trattava di «modesto inquinamento di natura organica». In altre parole, potrebbe trattarsi di rifiuti e reflui provenienti da fosse biologiche. Quali, non si sa.

E proprio per individuare i responsabili dei presunti scarichi abusivi in mare si è altresì reso necessario il confronto in procura tra gli amministratori modicani e il procuratore Puleio, prima delle opportune indagini che dovrebbero fare chiarezza sulla vicenda, che si trascina ormai da anni senza che mai sia stato individuato un responsabile. Addirittura la Capitaneria di porto costituì una task-force ad hoc per pattugliare l’area interessata, ma senza conseguire risultati concreti. Intanto l’amministrazione sta proseguendo la propria azione di verifica della balneabilità delle acque, dopo aver ottenuto dal commissario straordinario della provincia regionale Scarso la disponibilità per l’utilizzo del gommone della Protezione civile, per procedere ai prelievi d’acque e all’analisi periodica dei campioni.


inquinamento e immondizia dappertutto, la culla dell´inciviltà è da noi
22/07/2012 | 0.46.53
Cammalleri

Ma come è possibile che non si riesce a trovare chi sp*****a e inquina rovinando le poche cose buone che ci rimanono? ma non posso crederci. Siamo il terzo mondo ormai.. un grazie per come le istituzioni affrontano i problemi,
incredibile.