Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 701
MODICA - 15/07/2012
Attualità - Mentre la giunta ha dato il via libera al bando

La Cgil interviene sulla gestione dei rifiuti a Modica

Per il sindacato "E’ nota la precarietà in cui versa tutto il servizio di raccolta, sia nella parte urbana che in quella extraurbana"

Mentre la giunta ha dato il via libera al bando per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ed il relativo appalto, a distanza di un anno esatto dall’approvazione del consiglio comunale del vecchio bando, la Cgil critica questi palesi ritardi su una vicenda che il sindacato definisce di vitale importanza per il futuro di Modica. Per il segretario generale Cgil Giovanni Avola «La città ha bisogno di un razionale, efficace ed adeguato servizio di raccolta rifiuti urbani imperniato sulla raccolta differenziata e finalizzato alla riduzione della Tarsu, unica risorsa tesa a coprire il costo del servizio». Avola palesa la propria opinione in una lettera inviata al sindaco Buscema, al presidente del consiglio Scarso e ai capigruppo consiliari di palazzo San Domenico.

Per la Cgil «E’ nota la precarietà in cui versa tutto il servizio di raccolta, sia nella parte urbana che in quella extraurbana. Assolutamente approssimativa – conclude Avola – è la raccolta differenziata, in quanto la sua collocazione è indefinita e quindi non documentabile, e pressoché inesistente resta il servizio di scerbatura e di ritiro dei rifiuti ingombranti». Avola chiude la nota evidenziando «Un difficilissimo rapporto tra la ditta affidataria e i lavoratori dipendenti». Il segretario generale giudica positiva la scelta della giunta di procedere per conto proprio con il bando e auspica che il consiglio comunale possa approvare l’atto prima della pausa estiva e senza ulteriori rinvii, nell´interesse supremo della città e dei suoi abitanti.