Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 889
MODICA - 22/06/2012
Attualità - La decisione dell’amministrazione di sistemare al piazzale Falcone Borsellino gli ambulanti

Ascom sulle bancarelle: "Il sindaco non ci ha consultato"

La risposta di Antonello Buscema: " Pronto a fare un passo indietro ma ditemi dove sistemarle"

La sistemazione delle bancarelle in concomitanza con la prossima festa del patrono che si tiene venerdì prossimo fa litigare l’Ascom il sindaco. L’associazione di categoria contesta infatti la scelta voluta dall’amministrazione di spostare le bancarelle dal viale Medaglie d’oro al piazzale Falcone Borsellino e soprattutto non è d’accordo con il metodo seguito che ha escluso ogni possibilità di dialogo.

Dice il presidente dell’Ascom, Paolo Failla: «Pur ritenendo opportuno che per l´assegnazione di 130 posteggi la zona di viale Medaglie d´Oro non poteva essere presa in alcuna considerazione, esprimo il biasimo, a nome dell’associazione dal momento che l’Ascom non è stata convocata in tempo utile per poter contribuire alla ricerca della migliore soluzione». Il presidente ha manifestato la propria disapprovazione poiché l´Amministrazione, unilateralmente, ha deciso di individuare un´area che, a parere dell’Ascom, dal punto di vista commerciale, porterà un risultato negativo a tutti gli operatori ed un disagio ai consumatori.

«Cogliamo l´occasione per ribadire, ancora una volta – aggiunge il presidente Failla – l’esigenza che l’attività dell´Amministrazione comunale si caratterizzi per una maggiore e continua concertazione con la nostra associazione datoriale». Da parte sua il sindaco ha preso atto che l’associazione concorda sulle necessità di spostare le bancarelle da viale Medaglie d’oro.

Dice ancora Antonello Buscema: «Se oggi l´Ascom ritiene di non condividere anche questa nuova collocazione che è stata proposta dall´amministrazione, invito il presidente Failla a suggerirci quale potrebbe essere una soluzione più idonea che, non replicando i disagi di viale Medaglie d´Oro, possa essere più conveniente agli operatori e ai consumatori. Da parte nostra garantiamo la disponibilità a valutarne, fino all´ultimo momento, la fattibilità".

La zona di piazzale Falcone Borsellino è stata scelta perché adiacente al centro storico e facilmente raggiungibile a piedi e con la macchina senza intasare il corso Umberto. Inoltre nelle vicinanze ci sono bar e supermercati che possono garantire servizi agli ambulanti. Molto accessibile è poi il parco urbano di S. Giuseppe U’ Timpuni che è dotato di servizi igienici e acqua e che può dunque soddisfare ogni esigenza degli ambulanti.


Le bancarelle di S. Pietro

Ritorna la festa del patrono e puntuali arrivano le polemiche sull’allocazione delle bancarelle. La scelta dell’amministrazione comunale di sistemare per questa edizione della festa di S. Pietro le bancarelle, in programma venerdì 29, nella parte alta di corso Umberto non è gradita, almeno agli interessati. Sono 118 in tutto le bancarelle da sistemare e l’area prescelta è quella di piazzale Falcone Borsellino da dove per tre giorni, da mercoledì a sabato prossimo i pullman pubblici e privati sloggeranno. Quelli turistici faranno infatti capolinea al viale Medaglie d’oro e tutti gli altri in piazzale Baden Powell al quartiere S. Cuore.

Gli ambulanti potranno così godere di uno spazio ampio, dotate di fontanelle, bar e supermercati e potranno anche usufruire dei servizi igienici dell’attiguo parco S. Francesco. L’assessore allo Sviluppo economico, Nino Frasca Caccia, è stato chiaro con i rappresentanti degli ambulanti che tuttavia hanno contestato la scelta e, puntualmente, minacciano di non osservare le disposizioni. Sulla questione bancarelle è sceso in campo anche il sindaco che ha difeso il suo assessore ed evidenziato la legittimità e la ragionevolezza della scelta.

«L’allocazione in viale Medaglie d’Oro – dice Antonello Buscema - non risulta più adeguata alla necessità di garantire il massimo decoro del nostro centro storico, a maggior ragione in coincidenza con una festa, come quella del Patrono, che caratterizza fortemente l’identità della città. Bisogna ricordare che fino a non molti anni fa le bancarelle si sistemavano regolarmente in Corso Umberto e che per questa stessa ragione fu deciso di spostarle in viale Medaglie d’Oro, suscitando anche allora le polemiche. Adesso anche questa parte del centro storico, pienamente integrata con Corso Umberto e regolarmente vissuta da chi vi abita o da chi vi gestisce un esercizio commerciale, deve essere preservata. Non ritengo che Piazzale Falcone Borsellino sia un’allocazione così distante da non poter essere raggiunta con la medesima facilità. I disagi alla viabilità, poi, si prospettano certamente più limitati quelli che si presentavano in viale Medaglie d’Oro. Quest’anno si tratterà comunque di una sperimentazione, della quale valuteremo punti di vantaggio e di svantaggio solo alla fine, fermo restando il fatto che qualunque eventuale altra soluzione dovrà presentare le medesime garanzie per il decoro della città".


Ascom sulle bancarelle: "Il sindaco non ci ha consultato"
23/06/2012 | 8.46.53
antoka

Concordo e spero vivamente che le bancarelle di S.pietro siano spostate dalla classica ubicazione a favore di un luogo piu agevole da visitare e comunque appena fuori dalle mura urbane della città. Ricorso anno scorso che per passeggaire e visitare le bancarelle abbiamo fatto una fatica tremenda in quanto lo spazio pedonale tra le due corsie era molto limitato e se consideriamo il passeggio di famiglie con poasseggini...bè potete immaginare. Ritengo che come al solito il sindaco Buscema abbia la capacita di vedere avanti e che pertanto la scelta della nuova ubicazione sia congeniale a quanti come me amano passeggiare in mezzo alle bancarelle ed alla gente senza accusare fastidi e senza sentirsi prigionieri di una location non più adatta al numero di persone partecipanti.