Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1196
MODICA - 30/05/2012
Attualità - Lotta senza quartiere a Modica Alta dove i giovani centauri sono un vero pericolo

Pugno di ferro Polizia locale: 150 motorini sequestrati

I residenti promuovono una petizione chiedendo maggiori controlli

Quando l´inciviltà e l´incoscienza possono mettere a repentaglio la pubblica incolumità. Lo sanno bene i residenti di alcune zone di Modica, con particolare riferimento a Modica Alta, dove decine di centauri scorazzano in sella a rumorosi scooter col motore "truccato", senza casco protettivo e senza luci di posizione, anche nelle ore serali.

Una situazione che si protrae da troppo tempo, e che rende i cittadini inquieti, in particolare genitori e anziani.Più volte questa situazione, ai limiti del sostenibile, è stata fatta presente al comando di Polizia locale. Nonostante i richiami verbali di alcuni residenti, difatti, i centuauri fanno finta di nulla e continuano a sfrecciare sui pericolosi ciclomotori non a norma con il codice della strada, "impadronendosi" talvolta di interi quartieri.

Alcuni residenti di Modica Alta avrebbero già promosso una petizione per salvaguardare la propria incolumità e indurre la Polizia locale ad usare il pugno di ferro contro i minorenni che non rispettano le regole, mettendo in pericolo non solo loro stessi, ma anche terze persone.

Intanto, dalla Polizia locale fanno sapere che nelle ultime settimane sono stati sequestrati ben 150 ciclomotori le cui caratteristiche erano irregolari: 11 perché i dispositivi erano modificati; 21 per manomessa collocazione della targa; 31 per mancato uso del casco del conducente; 11 per mancato uso del casco del passeggero; 23 per mancato utilizzo della cintura di sicurezza; nove per uso di apparecchio telefonico alla guida; 12 per il rifiuto di esibire i documenti e 21 perché sprovvisti di assicurazione.

Insomma, la Polizia locale non se ne sta con le mani in mano, come ribadisce il comandante Giuseppe Puglisi: «I risultati – spiega – potrebbero essere ancora più significativi, ma la carenza di personale non ci consente di operare costantemente nell´arco delle ore lavorative. Si tenga conto – prosegue – che siamo in numero inferiore al 50 per cento dell´organico, e che giornalmente è necessario concedere riposi, ferie, malattie e agevolazioni per la legge 104. Ciononostante – conclude il comandante della Polizia locale – cerchiamo di fare il possibile».


X Antonio
30/05/2012 | 20.09.32
Massimiliano

Mi sembra ovvio che il giornalista fa riferimento circa l´obbligo delle cinture a bordo di microcar condotte principalmente da minorenni.


Continuare cosi!
30/05/2012 | 18.55.39
Antonio

Invito i Vigili e chi fa questo lavoro di perseverare in questa direzione affinchè possiamo presto avere più ordine sulla strada, degno di un paese civile.

Molto simpaticamente volevo segnalare che l´articolo di stampa del giornalista contiene qualche errore, nel senso che sembrerebbe che a bordo degli scooter 23 soggetti non abbiano indossato la cintura di sicurezza; cosa naturalmente impossibile.
Buon lavoro


La cintura sul ciclomotore
30/05/2012 | 16.34.55
Cesare Pluchino

Grande quella del mancato uso della cintura sul ciclomotore. la dobbiamo ai vigili o a chi scrive ?


e a Modica bassa?
30/05/2012 | 14.25.06
Moak

Delle gare con gli scooter truccati che sfrecciano nel circuito cittadino piazza Rizzone----> Viale Vittorio Veneto---->Viale Medaglie d´Oro.. ne vogliamo parlare??
Peraltro davanti ai sonnecchianti e statici visetti dei vigili urbani che stazionano "o strittu" tra un caffè e l´altro...sorbito nei bar limitrofi..


Ottimo ma
30/05/2012 | 12.43.29
Francesco

Mi congratulo per il lavoro effettuato dai vigili urbani. L´inciviltà però non si ferma a questo e non si ferma solo a Modica Alta.

Spero vivamente che in prossimo futuro ci sia maggiore presenza e maggiore fermezza sul territorio urbano, dove sia auto che moto viaggiano pericolosamente tra le strade, fregandosene di precedenze, stop, pedoni e norme del cds.