Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 563
MODICA - 17/05/2012
Attualità - Infuocata assemblea a palazzo S. Domenico di dipendenti arrabbiati e stanchi di attendere

Dipendenti senza stipendio. Buscema: "Ora paghiamo"

Nel mirino delle critiche anche il Pd cittadino per un documento con il quale si chiede a Cgil, Cisl ed Uil di fare delle scelte ben precise

Stipendi in arrivo ma la tensione nei i rapporti tra sindacati e dipendenti da un lato ed amministrazione dall’altro resta alta. Non vi ha certo contribuito la presa di posizione del Pd che in un documento ha invitato senza mezzi termini i sindacati a scegliere da che parte stare ed ad assumere una linea di condotta univoca nelle trattative con l’amministrazione.

Né l’appello del Pd perché anche i dipendenti contribuiscano al risanamento ha sortito l’effetto sperato, Lo si è visto nel corso dell’assemblea tenuta nell’aula consiliare con sindaco, amministrazione e consiglieri comunali Pd nel mirino dei presenti. E’ tuttavia arrivata la buona notizia per i dipendenti che gli stipendi saranno pagati venerdì e che la prossima settimana si insedierà il tavolo tecnico per fare il punto sulle entrate dell’ente ed il piano dei pagamenti per tutto l’anno. I sindacati sono tuttavia sul chi vive e se lo stipendio ritarderà sono pronti ancora una volta a scendere sul piede di guerra perché ritengono la situazione ormai insostenibile.

Due le mensilità da pagare, marzo ed aprile, ma soprattutto le incertezze sul futuro a preoccupare i dipendenti. Dice Bartolo Di Martino (Cisl): »Siamo stanchi di questi ritardi e vogliamo che i pagamenti avvengano regolarmente ogni mese. Siamo pronti ad andare con il Sindaco e l’Amministrazione a Palermo, per chiedere l’anticipo dei trasferimenti dell’assessorato agli Enti Locali ma l’Amministrazione deve dare un chiaro segnale che le priorità siano i lavoratori ed i loro stipendi».

Per Salvatore Terranova (Cgil): «Una possibilità potrebbe essere la compensazione tra entrate ed uscite. Come possono pagare le tasse i dipendenti che non sanno come tirare avanti? La compensazione, consentita per legge, potrebbe rappresentare un’ottima soluzione, in attesa di ricevere le spettanze».