Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:32 - Lettori online 1250
MODICA - 30/04/2012
Attualità - Il glorioso campo sportivo riapre dopo il restyling

Stasera s´inaugura il "Vincenzo Barone", grande festa

Soddisfatto Mommo Carpentieri, che ha anche invitato tutti i calciatori che nel corso degli anni sono stati i protagonisti Foto Corrierediragusa.it

Riapre il glorioso campo sportivo «Vincenzo Barone» (foto). E’ passato un decennio e l’impianto di via Nazionale riapre i battenti grazie all’impegno finanziario della provincia che ha finanziato i lavori di sistemazione ed ammodernamento della struttura. Poco più di 2000 mila euro che sono stati investiti per il rifacimento del manto erboso in sintetico di ultima generazione, gli spogliatoi, l’adeguamento delle tribune, degli impianti e delle uscite di sicurezza. La provincia ha sottoscritto una convenzione con l’amministrazione comunale per venti anni e gestirà l’impianto anche se si pensa già ad affidarlo ad una cooperativa.

Per l´inaugurazione di stasera saranno accese le quattro torri faro che illumineranno a giorno tutto l’impianto. Mommo Carpentieri, che ha voluto fortemente il recupero dell’impianto, farà stasera gli onori di casa insieme al presidente Franco Antoci che alle 19 taglierà il nastro. Sarà una festa per giovani e giovanissimi di tutte le scuole di calcio della città. Presenti anche i presidenti delle società che nel corso degli anni hanno calcato il terreno in erba battuta del barone.

Il vicepresidente Mommo Carpentieri ha anche invitato tutti i calciatori che nel corso degli anni sono stati i protagonisti. I tifosi hanno preparato anche una speciale coreografia per salutare l’evento. Soddisfatto Mommo Carpentieri: «Corono un mio personale impegno e mi dà grande soddisfazione aver visto attorno tanta collaborazione spontanea di imprenditori, artigiani e di tanta gente che teneva al «Barone». Per questo abbiamo deciso di aprire le porte del terreno di gioco e le tribune ad ognuno di quelli che vorrà esserci».