Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 302
MODICA - 18/04/2012
Attualità - Il sindaco rassicura sulla soluzione del problema nelle prossime ore

Ancora disagi per la mancata raccolta rifiuti

Garantite solo le emergenze, fermi i compattatori

Ancora disagi per il mancato svuotamento d cassonetti e dei trespoli in città. Il sindaco ha assicurato comunque che la situazione sarà risolta a stretto giro di posta grazie ad una mediazione che è stata avviata con la ditta Puccia che gestisce il servizio in città. I sette compattatori dell’impresa Giorgio Puccia, non hanno ripreso a pieno ritmo la loro attività perché il comune di Modica non è riuscito ancora a versare i 70mila euro dovuti all’Ato Ragusa per il servizio di «trasferenza».

Questo è il termine tecnico che indica il trasporto con camion dalla discarica di Scicli a quella di Motta S. Anastasia dove il comune di Modica è stato autorizzato a suo tempo a conferire i rifiuti prodotti in città. Gli operatori ecologici della ditta Puccia hanno lavorato per garantire i servizi essenziali per ospedale, scuole e carcere ma la situazione resta ancora molta fluida soprattutto nelle zone periferiche.

«Stiamo lavorando – dice il sindaco – per una soluzione per il saldo delle fatture in arretrato. Purtroppo, nel nostro percorso di ritorno alla normalità, si verificano ancora periodicamente delle crisi di liquidità che ci impediscono di far fronte a tutti gli impegni con regolarità . Abbiamo già detto che queste difficoltà sono anche legate all’esigenza di far fronte soprattutto alle transazioni con i grandi creditori (negli ultimi mesi, in particolare, con l’Enel), che tuttavia sono altrettanto imprescindibili per un pieno risanamento dell’Ente.

Consideriamo la pulizia costante e puntuale della Città come il primissimo segno di questa normalizzazione e che, coerentemente con quanto è avvenuto finora, siamo impegnati a risolvere il problema nel più breve tempo possibile».