Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 638
MODICA - 12/04/2012
Attualità - La somma sarà invece destinata al sostegno di artigiani in difficoltà

Madonna della Grazie: niente fuochi di artificio

La decisione unanime del consiglio pastorale

Il consiglio pastorale ha deciso. Niente fuochi di artificio per la festa della patrona. La Madonna delle Grazie si tiene infatti nella terza domenica del prossimo mese e sarà una festa silenziosa. Il consiglio pastorale presieduto da Don Umberto Bonincontro alla presenza del vicario foraneo, Mons. Corrado Lorefice è stato unanime delle sua decisione perché vuole dare allo stesso tempo un segnale di discontinuità rispetto al passato e di solidarietà.

Il consiglio pastorale infatti ha deciso di devolvere la somma solitamente investita per i fuochi di artificio sparati all’uscita ed al rientro del simulacro a commercianti ed artigiani in difficoltà. Si tratta di poco più di duemila euro ma il gesto vuole significare la vicinanza dell’intera comunità a chi non attraversa un periodo felice. Il sostegno sarà dato in particolare a quanti hanno vertenze aperte con la Serit per il pagamento delle cartelle esattoriali e non riescono a far fronte ai loro impegni nei tempi dovuti, peggiorando così la propria situazione.

Negli ultimi mesi sono stati in molti ad avere segnalato le proprie difficoltà alla comunità parrocchiale e l’argomento è stato dunque affrontato in sede ufficiale. La diocesi netina tra l’altro è stata solidale e vicina a commercianti ed artigiani nel corso della vertenza aperta con la Serit. Anche il vescovo di Noto ha diffuso a suo tempo un documento di sostegno.

La decisione del consiglio pastorale non mancherà di suscitare discussioni ma i tempi sono maturi per l’accettazione del deliberato. Sull’argomento fuochi di artificio non si è invece pronunciato ancora il consiglio pastorale di S. Giorgio la cui festa sarà celebrata domenica 29.