Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 899
MODICA - 29/03/2012
Attualità - Annunciata la presenza del presidnete della Regione, Lombardo, e dell’Ars, Cascio

Il futuro dei tribunali minori discusso in convegno

Si tiene sabato al teatro Garibaldi alla luce della nuova mappa degli uffici giudiziari in Italia

Si parlerà delle nuova mappa dei tribunali nella tavola rotonda che si tiene sabato alle 10 al Teatro Garibaldi. Il tema dell’incontro è infatti: « La Giustizia in Sicilia. Ridefinizione della geografia giudiziaria» ed intenderà soffermarsi sul pericolo della soppressione delle sedi dei tribunali non presenti in capoluoghi di provincia così come previsto da un recente provvedimento del Ministero della Giustizia.

L’iniziativa è stata promossa dall’Ordine forense presso il tribunale di Modica con il sostegno dell’amministrazione comunale. A presentare la tavola rotonda sono stati il sindaco Antonello Buscema, il presidente del consiglio Carmelo Scarso, il presidente dell’Ordine forense, Ignazio Galfo ed Antonio Borrometi, cui si deve un disegno di legge per l’allargamento della circoscrizione giudiziaria del tribunale di Modica.

Questa appare oggi la soluzione più praticabile e sostenibile se si vuole mantenere un presidio che negli anni si è dimostrato efficiente anche per la nuova e funzionale struttura in cui è ubicato il Tribunale. L’allargamento della circoscrizione giudiziaria prevede la presenza di Rosolini, pachino, Portopalo, Noto ed anche Avola. Contatti e discussioni sono state avviate con le amministrazioni comunali interessate ma finora non è stato prodotto alcun atto concreto al di là di manifestazioni di indirizzo da parte di Rosolini e Noto.

Alla tavola rotonda di sabato moderata da Salvatore Campanella, parteciperanno il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, il Presidente dell’ARS, Francesco Cascio, il sottosegretario di Stato Salvatore Mazzamuto ed Antonio Borrometi. L’ordine forense ed il sindaco sono convinti che, al di là del prestigio di un Tribunale con 675 anni di storia e un contesto socio culturale di primissimo piano, la struttura e la circoscrizione è in grado di sostenere il rigoroso esame imposto dalla legge delega in termini di efficienza, funzionali, innovazione, modernità ed economicità dei servizi resi nel contesto di un’affinità geografica con i territori di quei comuni che dovrebbero allargare i confini della giurisdizione. Quello di sabato non è dunque un momento di protesta ma di proposta".