Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 709
MODICA - 16/02/2008
Attualità - Modica - Sul tema "Alcool e guida"

Educazione stradale
per gli alunni del "Galilei"

Molto seguita la relazione del comandante dei vigili urbani Foto Corrierediragusa.it

Gli studenti del Liceo Scientifico «Galileo Galilei», a lezione di Educazione Stradale. Tema: «Alcool e guida», un progetto attuato dall’istituto diretto dal professore Salvatore Lucifera, che sinora sta riscuotendo ottimi consensi.

Stavolta i relatori sono stati Miriam Dell’Ali (nella foto), comandante la polizia municipale di Modica, ed il dottor Chiavetta, del Sert sempre di Modica. L’ufficiale della polizia locale ha avviato il confronto con gli studenti proponendo un significativo video che ha fatto calare il gelo in aula.

«In effetti ? dice la Dell’Ali ? avevamo avuto un problema di audio e siccome avevo il testo di una lettera dettata da una ragazza morente a seguito di incidente, ho invitato una studentessa a leggerlo e posso dire che è stato ancora più emozionante». Nel video era rappresentata una ragazza investita da un minorenne in preda ai fumi dell’alcol che, nella fase del passaggio dalla vita alla morte, dettava dei pensieri che, ultimamente, sono stati ripresi per le campagne promozionali per convincere i giovani sull’uso del caso e contro l’abuso di alcol».

Il «religioso» silenzio sceso nella sala della conferenza è servito anche al comandante Dell’Ali per fare conoscere le norme del codice della strada e le conseguenze. «Devo dire ? aggiunge quest’ultima ? che la partecipazione dei giovani è stata totale.

Ci sono stati posti molti ed interessanti quesiti, in particolare sulle conseguenze circa l’uso dell’alcol sulla salute». Su questo fronte, è stato molto deciso il dottor Chiavetta che ha anche sottoposto i giovani all’alcoltest, utilizzando gli strumenti che in atto sono in uso dalle forze di polizia che operano su strada.