Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 982
MODICA - 20/02/2012
Attualità - Quasi 61mila chili di rifiuti raccolti dalle strade in meno di un mese

Ingombranti: le associazioni smentiscono l´assessore

Lo certifica l’assessore ai servizi ambientali e al verde pubblico Giovanni Spadaro
Foto CorrierediRagusa.it

Cittadini Liberi e Fare Verde rispondono a muso duro all’assessore comunale all’ecologia Giovanni Spadaro (foto) in ordine alle discariche a cielo aperto di ingombranti. Se l’amministratore aveva sostenuto che sono stati raccolti quasi 61mila chili di rifiuti in meno di un mese, le due associazioni riportano Spadaro alla realtà, segnalando decine di discariche abusive ancora presenti soprattutto nelle campagne di Modica e nelle frazioni, evidenziando le lamentele dei modicani, gran parte inviate a cittadiniliberi.com.

Nello stralcio di una segnalazione si legge che «Ci sono materassi ovunque, specie nella frazione balneare di Marina di Modica, ma chiamando il numero 0932 759707 o lo 0932 759704 per il ritiro degli ingombranti a domicilio non risponde nessuno da giorni». E poi ancora «Nello slargo di contrada Tre Casucce Torre Rodosta , vicino ai cassonetti, si trova depositato anche dell’eternit». Alcuni cittadini si chiedono poi come mai a Modica non è mai partita la differenziata porta a porta e perché non esista un’isola ecologica. Gli ingombranti presenti nelle zone segnalate da Cittadini Liberi e Fare Verde sono lì da settimane.

«L’assessore Spadaro – scrivono le due associazioni in una nota congiunta – dovrebbe, anziché accusare i cittadini che denunciano le discariche, verificare personalmente i siti segnalati e magari controllare il territorio periodicamente, evitando che un telefono «guasto» possa far accrescere il numero discariche abusive». Inoltre, pare che non sia stata ancora attivata la raccolta degli abeti di Natale e la loro successiva ripiantumazione in ambiente idoneo, com’era stato previsto nel progetto illustrato subito dopo Natale dallo stesso assessore. E mentre Carnevale è già passato, i cittadini attendono ancora che vengano ritirati a domicilio gli abeti dagli operai comunali.

L´ASSESSORE SPADARO DA´ I NUMERI
Quasi 61mila chili d’ingombranti raccolti dalle strade nelle ultime settimane. Sbatte in faccia i numeri ai suoi detrattori l’assessore ai servizi ambientali e al verde pubblico Giovanni Spadaro. Materassi in disuso, divani sfondati, pneumatici usati, metallo di scarto, batterie esauste ed altro ciarpame ammassati con cura certosina da individui privi di senso civico in ogni dove delle strade di Modica (anche le più trafficate) sono stati raccolti e smaltiti, parola di assessore.

Tutto merito della ditta «Di Malò», che, dal giorno dell’attivazione del servizio, ha raccolto per l’esattezza 60mila 680 chili di ingombranti. A questi si aggiungono ulteriori 28mila chili di rifiuti Raee (ovvero gli scarti degli elettrodomestici e dei prodotti d’elettronica) quali carcasse di frigo, televisori, lavatrici, computer e altro ancora. «Il tutto smaltito – ci tiene a precisare Spadaro – in centri adeguatamente attrezzati dal 17 novembre 2011 al 6 febbraio 2012». L’assessore all’ecologia ha inteso così rispondere alle pesanti critiche mosse in questi ultimi giorni da «Fare Verde Modica» e dal «Comitato Cittadini Liberi».

«Critiche ingenerose e gratuite – incalza Spadaro – alla luce delle 535 telefonate indirizzate al comune dai cittadini e dalle 470 missioni di ritiro a domicilio effettuate in ordine a quelle telefonate dagli addetti del Comune». Certo, nonostante lo sforzo per bonificare le aree urbane dai rifiuti, ancora oggi alcuni incivili continuano a depositare in strada gli ingombranti. Per questo l’assessore Spadaro rinnova l’appello a tutti i modicani affinché collaborino per evitare che si verifichi, in futuro, il sorgere di altre discariche abusive in città. E’ altresì bene ricordare che al momento sono due i numeri di telefono da contattare per il ritiro a domicilio degli ingombranti: 0932 759704 e 0932 759707. Il servizio è gratuito.


Non è vero
21/02/2012 | 17.17.47
Antg

Andate in contrada "Trebbalate", poco prima del bivio per Noto: troverete quintali di ferri vecchi e materassi sul ciglio della strada.


NON RISPONDE NESSUNO
21/02/2012 | 16.26.57
ANDREA

Ho provato a chiamare i numeri sopra scritti ma non mi risponde nessuno.
Che si fa??