Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 859
MODICA - 16/02/2012
Attualità - Tutto lo stato maggiore dei Forconi si è dato appuntamento in un locale

I Forconi aspirano alla politica e sfidano il governatore Lombardo

"Non ce la facciamo più e l’ultimo suicidio di un piccolo imprenditore a Paternò è il sintomo del malessere" Foto Corrierediragusa.it

Tutto lo stato maggiore dei Forconi si è dato appuntamento in un locale lungo la Modica mare per lanciare un’ulteriore sfida al governo Lombardo. Dice il coordinatore rerionale del movimento dei Forconi Mariano Ferro (foto): «Da Roma ci giungono notizie che i punti per i quali ci siamo battuti in queste settimane hanno poche speranze di essere approvati. Lanciamo da Modica e dalla provincia di Ragusa un’ulteriore sfida. Marceremo da tutta la Sicilia su Palermo e chiederemo le dimissioni del governo Lombardo. A Palermo saremo in 100 mila per ottenere quello per cui abbiamo lottato.

Non ce la facciamo più e l’ultimo suicidio di un piccolo imprenditore a Paternò è il sintomo del malessere. Non vogliamo finire tutti così e soprattutto non vogliamo che il nostro movimento faccia un buco nell’acqua; non ce lo possiamo permettere per la credibilità del movimento e di quanti hanno creduto in noi». I Forconi hanno fatto il punto della situazione ad un mese esatto dall’inizio della protesta che ha avuto a Modica, lungo la statale 115 uno degli epicentri in Sicilia con blocchi e disagi che si sono poi diffusi in tutta la provincia. In questi ultimi giorni i Forconi hanno chiesto ai consigli comunali dei dodici comuni iblei di adottare un documento unitario articolato in cinque punti che è stato votato all’unanimità.

Aldo Bertolone, leader dei Forconi in provincia, ha chiesto all’amministrazione provinciale ed alla Camera di Commercio di far proprio questo stesso documento per dar forza al movimento. I punti riguardano la dilazione della riscossione delle cartelle esattoriali Serit, il blocco immediato dei prodotti agricoli importati da paesi esteri non conformi alle leggi italiane, la tracciabilità di tutte le merci agricole , l’attivazione della delibera Ars del Novembre 1996, l´applicazione dello Statuto Siciliano e la modifica della Legge elettorale. L’assemblea e lo stesso Mariano Ferro hanno poi ribadito che non ci saranno blocchi perché questa prima fase della protesta è conclusa e si punta invece sui palazzi del governo. Un nuovo corso che punta in alto e che vede Mariano Ferro ancora in prima fila.


Poesia "Vento culturale dei Forconi, nei nuovi Vespri Siciliani.
17/02/2012 | 16.23.37
Salvatore Azzaro

"Vento culturale dei Forconi, nei nuovi Vespri Siciliani.

In mezzo al Mare Nostrum,
nella Terra più a sud,
il cuore riprende a pulsare,
brivido alla schiena
per tutto lo stivale.

Si è svegliato dal torpore
e si batte con fermezza
il Popolo siciliano,
tendendo con Amore
ai più deboli... la mano.

Poesia di: Salvatore Azzaro da Giarratana, poeta e cantautore impegnato
contro le mafie.""