Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1022
MODICA - 14/02/2012
Attualità - Denuncia dei due consiglieri di Modica al Centro, Giorgio Stracquadanio e Maurizio Di Mauro

A Modica 7 milioni di finanziamenti Fas perduti

Riguradano la rete del metano a Frigitnini ed il consolidamernto della grotta Milano - Palermo

Niente fondi Fas per due progetti e sette milioni di euro persi. La denuncia iene dai due consiglieri di «Modica al centro», Giorgio Stracquadanio e Maurizio Di Mauro che parlano senza mezzi termini di «errori di grave superficialità» da parte dell’amministrazione.

Secondo quanto riferiscono i due consiglieri non sono stati infatti assegnati sei milioni di euro per il progetto di completamento dell’impianto di gas metano nella frazione di Frigintini. Il progetto è stato infatti escluso dalla commissione per la mancata approvazione da parte della giunta Buscema. Stessa sorte, finanziamento di un milione, per la messa in sicurezza della grotta Milano Palermo al quartiere dente e dei costoni rocciosi limitrofi. Due occasioni mancate che risultano ancora più gravi per l’impossibilità da parte del’amministrazione di finanziare in proprio le due opere.

Dice Giorgio Stracquadanio: «L’incapacità a ricercare ed ottenere finanziamenti, per pigrizia o per incapacità amministrativa ha determinato il triste primato che ha fatto del Comune di Modica la maglia nera degli Enti pubblici in provincia per opere ed importi appaltati, superato anche da Monterosso e Giarratana. Accanto alla grave inefficienza dimostrata dall’Amministrazione, appare però altrettanto irresponsabile che il Sindaco non abbia informato il consiglio Comunale e la città di quanto accaduto, forse perché troppo impegnato nella soluzione pasticciata dell’ennesima crisi politica di questa legislatura».

I due consiglieri hanno chiesto un dibattito in consiglio comunale sulla questione.