Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 601
MODICA - 27/01/2012
Attualità - Il comitato ha incontrato il vice presidente della Provincia Mommo Carpentieri

Chiostro chiuso, comitato Modica Alta chiede apertura

Tra le altre richieste l’illuminazione del viadotto Nino Avola ed il miglioramento della viabilità Foto Corrierediragusa.it

Migliore vivibilità e fruibilità turistica. I problemi di Modica Alta sono stati discussi nel corso di un incontro che si è tenuto presso l’oratorio Don Bosco alla presenza del vicepresidente della provincia Mommo Carpentieri. Gli aderenti al Comitato di Modica Alta hanno spiegato all’assessore Carpentieri le urgenze ritenute necessarie. E’ stato Nino Belluardo a sollecitare l’illuminazione del viadotto Nino Avola per rendere la strada più sicura.

Paolo Failla, presidente del Consorzio Commerciale Francavilla, ha chiesto alla provincia un impegno per la valorizzazione e la fruizione del chiostro di S. Maria del Gesù (nella foto). Il monumento gotico è stato infatti restaurato e presentato alla città ma la sua fruizione è praticamente nella perché non c’è personale adibito alla apertura del complesso nonostante il chiostro attragga l’interesse di numerosi turisti. Martino Modica ha sollevato dal suo canto la necessità di mettere in sicurezza le strade di competenza provinciale ed in particolare ha chiesto la messa in sicurezza del costone roccioso che costeggia la strada provinciale 51 che da Modica Alta porta a Frigintini.

E’ stato anche sollevato il caso della riqualificazione del palazzo Floridia di proprietà della Provincia. A questo proposito Mommo Carpentieri ha chiarito che l’ufficio tecnico dell’ente ha evidenziato come l’immobile necessita di una ristrutturazione globale che comporta una spesa economica non indifferente che la provincia potrebbe reperire solo accendendo ad un mutuo con la cassa depositi e prestiti, cosa non possibile nei prossimi mesi per effetto del patto di stabilità.

L’assessore Carpentieri approfondirà i problemi sollevati nel corso dell’incontro ed ha dato appuntamento ad un secondo incontro che si terrà insieme ai funzionari dell’ufficio tecnico della Provincia.