Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 799
MODICA - 24/01/2012
Attualità - Non ancora pagate le 13me, chiesto incontro al sindaco Antonello Buscema

Sindacati preoccupati per la questione finanziaria

Nonostante i cinque milioni di prestito erogati dalla Regione

I sindacati sono preoccupati e chiedono al sindaco di affrontare da subito la questione finanziaria a palazzo S. Domenico. A cominciare dal bilancio 2012 per la cui redazione Cgil, Cisl ed Uil chiedono sin da subito l’insediamento di una commissione perché non si arrivi, come già successo lo scorso anno, a settembre per l’approvazione dello strumento finanziario.

I sindacati hanno posto ad Antonello Buscema dei punti irrinunciabili per uscire fuori da una situazione difficile. Il primo, e forse prioritario in assoluto, è la costituzione di un ufficio tributi che lavori a tempo pieno per accelerare la riscossione ma anche per non commettere errori come quelli verificatisi nell’invio delle cartelle Ici e Tarsu. I sindacati pensano anche, se non soprattutto alla situazione dei dipendenti comunali, e degli stipendi. Cgil , Cisl ed Uil hanno preso atto che ben tre stipendi sono stati pagati nel mese di dicembre grazie alle’erogazione di un prestito di cinque milioni da parte della Regione ma lamentano anche che la 13ma non è stata ancora erogata.

Dicono all’unisono, Salvatore Terranova (Cgil), Bartolo Di Marino (Cisl) ed Ettore Rizzone (Uil):» L’inizio dell’anno sta già presentando e presenterà le identiche difficoltà sperimentate in precedenza, per la strutturale penuria di liquidità, perché, oltre al drenaggio di risorse per le note e risapute problematiche direttamente legate ai debiti non onorati. Non si è stabilizzato, sotto l´aspetto dell´assetto organizzativo e della sua efficacia, il processo di riscossione in house dei tributi, per il quale occorrerà almeno un altro anno di attenzione al fine di condurlo ad una impostazione che renda i frutti per cui è stato pensato.

In questa fase persisterà il lacerante sintomo di sempre, ossia ritardi nell´erogazione degli emolumenti. Quest´anno è cruciale per l´Amministrazione perché deve definire i nodi strutturali che hanno fatto e fanno zoppicare l´ente sotto il profilo delle funzioni cui è chiamato, con particolare riguardo al completamento del progetto del suo risanamento economico e finanziario, all´attività di riorganizzazione degli suoi assetti interni attraverso una nuova filosofia di insieme in base alla quale dare una nuova fisionomia organizzativa e sociale all’ente».

Da qui la necessità di costruire un bilancio veritiero, la programmazione del pagamento degli stipendi, la convocazione delle parti per avere certezza dei pagamenti arretrati tra cui 13ma ed indennità.