Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1573
MODICA - 18/01/2012
Attualità - Il consiglio comunale ha approvato la delibera a maggioranza

Modica entra a far parte del Distretto Sud Est con 3 quote

Soddisfazione degli assessori al Turismo, Enzo Scarso, ed alla Cultura, Anna Maria Sammito

Modica fa parte a pieno titolo del Distretto turistico Sud Est. Il consiglio comunale ha infatti approvato la delibera con la quale l’ente di palazzo S. Domenico entra a far parte del direttivo del Distretto con tre quote.

Queste garantiranno la compartecipazione insieme ad altri comuni e la possibilità di intercettare canali finanziari privilegiati per la realizzazione di beni e servizi ed anche piccoli interventi infrastrutturali quali arredo urbano e segnaletica, rivolti ad incrementare i servizi a favore dei turisti. L’assessore alla Cultura Anna Maria Sammito è stata particolarmente soddisfatta per la conclusione di un iter che si è rivelato lungo e che ha ritardato l’avvio di alcuni progetti.

Dice Anna Maria Sammito: l’adesione a pieno titolo al Distretto turistico del Sud Est apre nuove e importanti prospettive per il patrimonio culturale del sud-est, unico nel suo genere. Insieme ad Enzo Scarso, titolare della delega al Turismo, abbiamo seguito passo dopo passo l’iter del riconoscimento da parte dell’assessorato regionale al Turismo.

Per i distretti l’Unione europea ha messo a disposizione per l’anno 2011 venti milioni di euro replicabili per l’anno in corso. Interessante, in questo contesto, l’apporto dei privati nel concretizzare i progetti che si metteranno in campo e rivolti al nostro territorio capace, sempre di più con questo strumento, di attrarre turisti e rinforzare, in modo sensibile, la nostra economia».


un paradosso
19/01/2012 | 11.18.20
gaetano

buongiorno
una "paesone" che si sta espandendo come una grande colata di cemento ai piedi dei monti iblei (come se questi fossero una grande betoniera) e giustamente per coerenza e senza giustificazione fondata si eliminano quei pochi ma prestigiosi alberi che adornavano il centro! è pur sempre una spesa spropositata ed incoerente in un periodo come questo! per non parlare degli anticrittogramici ed i ferormoni per combattere gli "scarafaggi" - ma che risposta è? non solo è un altra spesa assurda ma vi rendete conto di quanto sia inquinante?
saluti